Lazio, gli incredibili numeri d’Immobile: segna come Van Basten

0,61 gol a partita, la media è pazzesca

di redazionecittaceleste
Notizie Lazio, Ciro Immobile

ROMA – A Ciro sicuro. Poco importa che lotti ancora con un dolore al tallone senza respiro. Decide sempre lui con l’ottavo gol biancoceleste al Sassuolo. Al secondo tentativo (dopo uno sporco al volo), anticipa il mastino Marlon e fa centro. Il bis viene murato, prossimo appuntamento a Bergamo. Magari non domani nei quarti di Coppa Italia, senz’altro domenica in campionato. E’ ancora acciaccato, dev’essere centellinato. Lui che moltiplica le reti (148), dev’essere diviso. Superato anche Omar Sivori in Serie A, Immobile è a -1 da Bassetto e potrebbero bastare pochi giorni per l’ennesimo sorpasso. Una formalità per il 28esimo bomber (31esimo considerando anche i campionati di guerra e a girone unico) di ogni tempo, con una media (0,61 gol a incontro) da quarto e da triplice pallone d’oro: addirittura Van Basten aveva il suo stesso ruolino. Magari non verrà mai premiato da France Football, ma Immobile può sfoggiare il suo ultimo lustro. E chissà che non possa addirittura bissarlo: la scorsa stagione vinse la scarpa d’oro con 36 timbri in campionato. E’ a 13 adesso, nonostante il covid e un rosso. In vetta c’è Robert Lewandowski , medaglia d’argento dello scorso agosto, approdato già a quota 46 punti con 23 gol. Il polacco precede Junker (27 centri), Pellegrino (25) e Cristiano Ronaldo (15). Al momento la classifica è ancora condizionata dai campionati nordici che sono alle battute finali o si sono già conclusi, l’attaccante laziale è pronto a risalire ancora dall’undicesimo gradino.

FASCE
Vola Ciro, sulle ali dell’entusiasmo. Perché sono gli esterni ora ad esaltarlo in assenza del mago Luis Alberto, tornato ieri ad allenarsi a Formello. Da Lazzari nel derby a Marusic contro il Sassuolo. A sinistra o a destra, il risultato è identico. E anche il numero degli assist di ciascun esterno. Adam va sul fondo e sforna il passaggio decisivo, raggiunge a quota 4 il terzino italiano. Entrambi adesso sono a -1 da Milinkovic, volato domenica addirittura in cielo. Qualità e fisico saranno fondamentali anche contro l’Atalanta vincente col Milan a San Siro. Ora è tutto possibile con questa ritrovata Lazio. E intanto, parlando del mercato della Lazio, arrivano grosse indiscrezioni: >>> “9 trattative possibili a gennaio!”<<<

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy