• LE ULTIME NOTIZIE SULLA LAZIO? TUTTO IN DIRETTA SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

Lazio, Lazzari: “Immobile mi dice sempre che potrei fare di più”

Uno dei protagonisti della sfida di domani tra la Lazio e i nerazzurri sarà Manuel Lazzari. L’esterno si è recentemente raccontato

di redazionecittaceleste

Notizie Lazio

ROMA – I microfoni di DAZN, piattaforma che domani pomeriggio alle 15:00 trasmetterà la sfida tra la Lazio e i nerazzurri di Antonio Conte, hanno intervistato Manuel Lazzari prima della gara valida per il terzo turno di Serie A:

Hakimi? Siamo entrambi veloci, ma ci sono tanti esterni rapidi in Serie A. Non saprei chi di noi corre di più. Lui fa qualcosa come 36 chilometri orari, mentre io ne faccio 35,5. Ma forse perché avevo il vento a sfavore! Tuttavia è un grande giocatore che domenica vedremo dal vivo. Atalanta? Abbiamo giocato meglio ma loro sono stati più cattivi sotto porta. Quattro goal su cinque tiri, risultato pesante. Speriamo di rifarci presto. I nostri futuri avversari hanno una rosa davvero forte. Ma noi siamo la Lazio e abbiamo una rosa altrettanto competitiva. Diremo la nostra, non vedo una favorita. L’anno scorso abbiamo giocato molto bene, mi auguro in una prestazione simile. Faremo attenzione alla loro forza fisica, giocatori come Lukaku sono i migliori sotto questo aspetto. Immobile? Quando gli ho fatto l’assist per il centesimo goal qualcosa è cambiato. Secondo lui potrei farei di più e me lo dice sempre. Ricordo quando ero nelle giovanili del Vicenza e mi dissero che non mi avrebbero confermato. Ripartii dalla Serie D facendo tutte le categorie. Fantastico vedere dove sono oggi. Pensavo che avrei lavorato in fabbrica, invece non è stato così. Roma è una piazza che ti chiede di essere forte mentalmente. Nazionale? Quando ero con la SPAL si complimentavano con me, ma non ne capivo il motivo. Poi ho visto le convocazioni di Mancini e ho capito che c’ero anche io. Ho pianto e ho chiamato tutti per la gioia”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy