QDL – Gentili: “Lazio non snobbare il campionato: lo scudetto è possibile”

Il vice direttore di Rai Sport, Bruno Gentili, ha parlato della Lazio e delle sue possibilità di vincero lo scudetto: occhio agli impegni in Champions però

di redazionecittaceleste
Notizie Lazio: Champions League

Notizie Lazio

ROMA – Il vice direttore di Rai Sport, Bruno Gentili, è intervenuto ai microfoni di Cittaceleste Tv e di Radiosei. Ecco le sue parole ai microfoni di “Quelli della Libertà”, condotta dal direttore Stefano Benedetti e da Federico Terenzi:

Notizie Lazio: contro l’Udinese

“Sono tifoso nerazzurro e so quanto la mia squadra possa essere pazza. Conte è un uomo che si fida delle sue scelte, basti pensare alla vicenda Eriksen. In estata è arrivato Vidal, ma forse ci voleva più qualità e meno gamba. All’Internazionale manca un regista dai tempi di Veron. L’ultimo forse è stato Cambiasso, ma sono passati sei anni. Meno male che nelle ultime uscite qualcosa sembra essere cambiato. Non ho visto molte invenzioni finora. Gasperini è andato a Liverpool senza punte e ha vinto. Anzi, ha stravinto. Non credo in un solo modulo per giocare a calcio, a fare così prima o poi gli avversari ti prendono le misure. Champions League? Molto dipende dal Real Madrid. La partita finale sarà l’8 dicembre, aspettiamo quello scontro che si rivelerà decisivo. Non mi piacciono i nerazzurri come giocano ma credo che siano la squadra da battere per vincere lo scudetto. Alcuni dei suoi uomini sono tra i più forti in circolazione. La Juventus è in confusione e ogni partita cambia volto. La Roma ha perso con il Napoli ma non la vedo pronta, nonostante la qualità che potrebbe farla lottare per il titolo. Lazio? A questa squadra mancano un paio di panchinari d’eccezione. Ho visto la partita contro l’Udinese, troppo frenetica e un po’ altezzosa. Non vorrei che i biancocelesti vogliano puntare tutto sull’Europa. Il campionato non va snobbato, la lotta è aperta a tutti. Troppi goal e troppe sconfitte da quando è iniziata la Serie A. Bene con il Borussia all’andata. Attenzione ad Haaland e Sancho che sono due niente male. In ballo c’è il primo posto dato che credo che la Lazio sia praticamente qualificata. La concentrazione non mancherà. Luiz Felipe è un giocatore che quando non c’è fa sentire la sua mancanza. Covid? Ha azzerato il fattore campo ed è una delle grandi incognite della stagione. Oltre a questo non dimentichiamoci che la scorsa stagione è finita pochi mesi fa. Saranno più protagonisti i preparatori che i tecnici. Diaconale è stato un giornalista a tutto campo, una persona squisita e disponibile che si è sempre battuta con passione. Anche quando era da solo. Senza mai arrabbiarsi ha sempre portato avanti le sue battaglie. Lo ricordo con signorilità, è stato un amico e un collega”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy