ESCLUSIVA – Onofri: “Vavro buon acquisto. Lazio? La classifica non rispecchia il suo vero valore”

Le parole dell’ex Genoa Claudio Onofri

di redazionecittaceleste

Di Giovanni Manco

ROMA – Claudio Onofri, ex giocatore ed allenatore del Genoa, ha parlato in esclusiva ai nostri microfoni in vista di Genoa-Lazio di domenica.

Vavro al Genoa, come giudichi questo acquisto?

“A Roma ha avuto critiche perché non ha fatto per nulla bene, ma l’ho visto giocare sia allo Zilina che al Copenaghen e dico che lo avrei preso al Genoa anche prima che approdasse alla Lazio. Ha avuto le difficoltà tipiche degli stranieri, dall’imparare la lingua al come stare in campo. Se ritorna ad essere quello che ho visto al Copenaghen, il Genoa ha preso un ottimo giocatore. Soddisfatto? Dovrà dimostrarlo, è chiaro. Io l’ho visto molte volte ed ha un buon piede, un buon tiro, calcia le punizioni… Tutte cose che in Italia non ha fatto vedere. Per il Genoa spero possa tornare quel giocatore che ho visto in Danimarca, sarebbe un ottimo rinforzo per la salvezza”.

Soddisfatto del ritorno, ennesimo, di Ballardini?

“Era l’unica soluzione possibile, lui o Nicola che però non è stato confermato neanche dinanzi alla grande salvezza dello scorso anno. Evidentemente qualcosa s’era rotto. Ballardini ha avuto un esordio ottimo sia ambientale – ma si sapeva perché è amato dai tifosi genoani per le salvezze incredibili che ha ottenuto – ma anche a livello organizzativo. Con lo Spezia, con solamente due allenamenti, si è visto subito un certo tipo di gioco. Cosa che con Maran si è vista quasi mai se non nella gara contro il Milan in casa. Sono contento, è l’uomo giusto nel posto giusto”.

Viene da chiedersi, a questo punto, perché non si pensa all’avviamento di un progetto proprio con Ballardini…

“Appartiene ad una strategia che purtroppo, negli ultimi anni, s’è vista spesso al Genoa. Anche tre all’anno: da Andreazzoli a Thiago Motta fino a Prandelli e poi Nicola. Nel calcio si può sbagliare una scelta, ma non dieci, tutte nello stesso tema poi: la scelta dell’allenatore. C’è qualcosa che non funziona né quando scegli l’allenatore né quando lo cambi, a volte non sono stati nemmeno attesi con sufficiente pazienza. Poi c’è stato Maran, che ha avuto tanti problemi dagli infortuni al Covid ma mi aspettavo qualcosa in più da lui conoscendone le caratteristiche umane e tattiche. La scelta dell’allenatore è importante, la società dovrebbe saperlo, bisogna agire con attenzione”.

Che Genoa-Lazio sarà?

“L’impostazione che ha dato Ballardini contro lo Spezia mi è piaciuta. Chiaro che i valori della Lazio sono completamente diversi, servirà una partita di grande concentrazione e tempi, andrà inibito il gioco della Lazio. Lazio che qualche problema ce l’ha, non sta riproducendo quello che è stato il campionato passato. La squadra rimane incredibile, a parte Immobile, sono giocatori di una dimensione molto alta”.

So che conosci molto bene Muriqi. Sta davvero faticando a Roma…

“Torniamo al discorso di Vavro, non sempre le scelte sono azzeccate, ma Tare ne indovina in media 8 su 10. Conosco Muriqi, in Turchia ha segnato molto e parliamo di un campionato di un livello non così basso, con squadre importanti. Il giocatore piano piano diventerà importante secondo me, specie se Caicedo dovesse andare via, so che piace alla Fiorentina. Non è un fenomeno, ma sicuramente un giocatore che ti può dare una grossa mano nell’arco di un campionato, secondo me è un buon acquisto”.

Chi temi di più della Lazio? Immobile non vale…

“Ah no? (ride, ndr). A Milano la Lazio ha fatto vedere le difficoltà ma anche i suoi pregi, con la rimonta dopo due gol subiti in 15 minuti. Certo il gol preso da palla inattiva a tempo scaduto è un problema, deve essere analizzato dal gruppo, non credo sia stata solo mancanza di attenzione. Rientreranno Acerbi e Leiva, la Lazio ha un parco giocatori inferiore solo a quello di Juve, Inter e forse Napoli. La classifica non rispecchia il valore della squadra. Da Milinkovic a Correa passando per Acerbi e Leiva, sono giocatori forti. La rosa della Lazio appartiene ad un contesto più alto di quello in cui si trova attualmente”. E intanto, parlando del mercato della Lazio, arrivano grosse indiscrezioni: >>> “9 trattative possibili a gennaio!”<<<

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy