• LE ULTIME NOTIZIE SULLA LAZIO? TUTTO IN DIRETTA SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

LE PAGELLE DEL DIRETTORE – Squadra non pervenuta, disastro sulle fasce

Le pagelle del direttore Stefano Benedetti

di redazionecittaceleste
Notizie Lazio: pagelle direttore

Strakosha: 5 Nell’occasione del vantaggio blucerchiato, era difficile, ma avrebbe potuto fare qualcosa di meglio. Per quanto riguarda i gol del 2 e del 3-0, invece, avrebbe potuto fare molto poco.

Patric: 4 Viene schierato alla destra di Acerbi. È il più propositivo del pacchetto difensivo. Ma, anche questa volta, non riesce a incidere nella partita quanto avrebbe voluto. Al 75esimo minuto entra anche lui nella classifica degli “orrori”. Commette un errore gigantesco nel cuore della sua area di rigore che permetterà a Damsgaard di siglare il gol del 3-0.

Acerbi: 5 Scende in campo dal primo minuto al centro del pacchetto difensivo. Prova a gestire e ad amministrare il suo reparto come meglio può, ma questa volta non basta. Il primo gol nasce anche a causa di una sua disattenzione. Quagliarella è stato libero di staccare senza problemi nel rettangolo piccolo dell’area di rigore. Nessuna pressione. Nessun contrasto. Un gol decisamente evitabile.

Hoedt: 5 L’olandese è tornato. Per la seconda volta nella sua carriera, debutta con la maglia biancoceleste. Viene schierato dal primo minuto. Gioca una buona prima mezz’ora. Si muove discretamente bene. È ordinato e concentrato. Al 32esimo, però, cala il sipario. Lascia Quagliarella completamente solo all’interno dell’area di rigore. Una distrazione grossolana che ha permesso alla Sampdoria di portarsi in vantaggio. Al 59esimo minuto viene sostituito. Al suo posto entra Vavro.

Parolo: 4.5 Gli manca solo quello del portiere e avrà giocato in tutte le zone del campo. La coperta per Inzaghi è talmente corta che Parolo è stato schierato al posto di Lazzari. Non è un velocista ma prova a scendere in campo con tutta la sua esperienza. Al 12esimo minuto del primo tempo commette un fallo (evitabile) che gli costa il cartellino giallo. Al 32esimo minuto purtroppo si perde completamente l’uomo sulla fascia. Proprio da quel cross nascerà il gol del vantaggio blucerchiato. Prestazione non eccellente ma di gran cuore e sacrificio. Al primo minuto del secondo tempo viene sostituito. Al suo posto entra Marusic.

Leiva: 4.5 Non pervenuto per tutto il primo tempo. Si vede a sprazzi nel secondo. Viene schierato davanti alla difesa. Questa volta però non è riuscito a edificare il muro di cinta davanti alla retroguardia biancoceleste. È distratto e poco concentrato. Commette molti errori e non riesce a far ripartire la squadra in contropiede. Al 76esimo viene sostituito. Al suo posto entra Cataldi.

Marusic: 5 Viene schierato dal primo minuto del secondo tempo al posto di Parolo. Non riesce a mettersi in mostra e a cambiare il ritmo della partita. Molto poco incisivo.

Vavro: 5 Subentra al 59esimo minuto al posto di Hoedt, andando a prendere il posto di Acerbi che scala a sinistra.

Cataldi: SV Entra al 76esimo minuto al posto di Leiva.

GENOA, ITALY – OCTOBER 17: Luis Alberto of SS Lazio competes for the ball with Bartosz Bereszyński of UC Sampdoria during the Serie A match between UC Sampdoria and SS Lazio at Stadio Luigi Ferraris on October 17, 2020 in Genoa, Italy. (Photo by Marco Rosi – SS Lazio/Getty Images)

Milinkovic: 4 vaga per il campo senza mai riuscire a trovare la giusta posizione. Malgrado le ultime entusiasmanti prove realizzate con la sua nazionale oggi è risultato impalpabile, senza grinta ne mordente.

Luis Alberto: 5 Ci si aspetta sempre molto da lui ma oggi non è riuscito ad inventare “calcio” come ci ha abituato nelle ultime sue stagioni. Forse sente troppo la mancanza del “suo” Immobile ma la sua gara è decisamente statica e senza idee

D.Anderson: 4 Gioca solo un tempo per poi lasciare il posto a Fares dal primo minuto della ripresa. Il suo primo tempo è caratterizzato praticamente dal…nulla. Non entra mai in partita. Lo abbiamo visto impegnato solo in un paio di cross, a dir poco scolastici.

Fares: 6 entra dal primo minuto della ripresa. Si vede per un paio di cross e altrettanto chiusure difensive ma non cambia la partita.

Correa: 4.5 La convocazione con la sua nazionale argentina, coronata anche con un gol decisivo, gli avrebbe dovuto dare un entusiasmo diverso visto che la sua gara è stata a dir poco impalpabile. Non è mai riuscito a saltare un avversario e il suo primo tiro in porta è arrivato nel cuore della ripresa con un diagonale impreciso. Male male.

Caicedo: 5 Sembrava non dovesse giocare per un leggero problema fisico che gli aveva impedito di allenarsi bene nel corso della scorsa settimana. In campo dal primo minuto si è fatto vedere pochissimo con il primo spunto nella ripresa, con una girata andata di poco fuori dallo specchio della porta. Dopo quindici minuti della ripresa Inzaghi lo sostituisce con l’esordiente Mouriqui

Muriqi: 5.5 sostituisce nel cuore della ripresa l’evanescente Caicedo. Buona una triangolazione con Correa per il resto praticamente nulla.

Inzaghi: 5 I tanti (troppi) giocatori infortunati lo costringono a schierare molti giocatori fuori ruolo. La sensazione è che la testa di molti in campo fosse già proiettata verso la gara di martedì contro il Borussia Dortmund in Champions League. Prova nella ripresa a cambiare la partita cambiando i “quinti” ma aumenta solo il ritmo e non il (poco) gioco.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy