Baiocchini, Sky: “Lulic rinnoverà la prossima settimana”

ROMA – Verso la fine del campionato scorso si presentò dal direttore sportivo Tare, insieme al suo procuratore, per chiedere di essere ceduto. Anche per questo, Lotito aveva dichiarato che c’erano giocatori che sarebbero scappati da Roma a causa della situazione ambientale che si era venuta a creare attorno al…

di redazionecittaceleste

ROMA – Verso la fine del campionato scorso si presentò dal direttore sportivo Tare, insieme al suo procuratore, per chiedere di essere ceduto. Anche per questo, Lotito aveva dichiarato che c’erano giocatori che sarebbero scappati da Roma a causa della situazione ambientale che si era venuta a creare attorno al mondo biancoceleste. Chiaro riferimento a quanto successo con Lulic

Poi il bosniaco è rimasto nella capitale e adesso è un punto fermo della Lazio di Pioli, con la società che ha deciso di prolungargli la fiducia, nonostante un contratto già esistente fino al 2017. Dal termine dell’estate, si sta lavorando su rinnovo e adeguamento per altri due anni, quindi fino al giugno del 2019.  L’obiettivo è questo: la società e l’ex esterno dello Young Boys stanno cercando di trovare un definitivo punto di incontro a livello economico per fare in modo che l’annuncio possa arrivare già nelle prossime settimane.

Quello di Lulic è uno dei pochi rinnovi contrattuali rimasti inevasi a Formello. La Lazio, su tutte le altre situazioni, si è mossa con largo anticipo per evitare problemi e inserimenti di altre squadre. Ha rinnovato i contratti dei giovani Keita, Tounkara, Onazi e quello più a rischio di Candreva, sul quale si stava scatenando una vera e propria asta di mercato. Restano ora in sospeso Lulic e Cristian Ledesma, al quale però, con tutta probabilità, non verrà prolungata la permanenza.

L’italo-argentino giocherà l’ultimo anno con la maglia biancoceleste e non certo da protagonista. E’ passato dall’avere la fascia al braccio, all’essere relegato costantemente in panchina dopo l’esplosione di Biglia nel ruolo di regista. La società, salvo sorprese, lo lascerà partire a fine stagione.

Lulic invece, dopo aver chiesto di essere ceduto, si sente adesso perfettamente inserito nel mondo Lazio. Poteva andare alla Juventus. Marotta e Paratici avevano offerto 8 milioni di euro, Lotito aveva risposto di no chiedendone in cambio 18, oppure la disponibilità a parlare della seconda metà del cartellino di Gabbiadini. Non se ne fece nulla e i bianconeri decisero di puntare su Evra, a costi decisamente più contenuti. Per la gioia di Pioli, che in dieci partite di campionato, non ha mai potuto fare a meno del bosniaco.

Di cui apprezza potenza, professionalità e duttilità tattica, visto che Lulic può ricoprire tutti i ruoli della fascia sinistra in questa Lazio. Terzino, mezzala o esterno d’attacco. Sempre con ottimi risultati, come dimostrano i due gol segnati e anche gli assist serviti  (l’ultimo a Klose contro il Cagliari).

Entro la fine dell’anno la società vuole definire il rinnovo. Per evitare che il bosniaco possa tornare ad essere corteggiato dalle big e per fare in modo che la Lazio nel mercato invernale possa concentrarsi esclusivamente nel rafforzamento della rosa. Passando attraverso le cessioni di chi gioca di meno, come ad esempio Alvaro Gonzalez e Konko, con la possibilità di arrivare anche al difensore che consentirebbe a Pioli di coprire definitivamente la lacuna lasciata da Gentiletti. Ciani e Cana si stanno alternando in quel ruolo con risultati sufficienti, ma se il direttore sportivo Tare riuscisse a trovare un’opportunità di mercato, potrebbe decidere di coglierla al volo.

Ad esempio quel Fabian Schar che piace a tante grandi d’Europa e anche per questo motivo non ha ancora rinnovato il suo contratto con il Basilea in scadenza nel prossimo giugno. Il ventiduenne svizzero con De Vrij, idealmente, potrebbe rappresentare una delle coppie più forti a livello internazionale.

L’altro giocatore sul quale la Lazio continua a riflettere è Vojislav Stankovic. Il ventisettenne serbo fu vicinissimo in estate a vestire la maglia biancoceleste, poi però Tare preferì puntare su Gentiletti evitando di occupare la seconda casella da extracomunitario. Dopo l’infortunio dell’argentino, il nome del centrale delPartizan Belgrado sta tornando d’attualità nelle segrete stanze di Formello. Il 31 dicembre si svincola, ecco l’opportunità a costo zero che potrebbe stuzzicare Lotito.    

Goal.com

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy