Colonnese: “Lazio, sei da terzo posto”

La Lazio conquista il terzo posto nella serata che più di tutte ha lasciato l’amaro in bocca ai tifosi biancocelesti. L’ex difensore Laziale Francesco Colonnese, ai microfoni di Radio IES, analizza il rendimento della squadra: “Peccato per l’espulsione di Cavanda. Senza quell episodio sfortunato la Lazio avrebbe vinto senza difficoltà.…

di redazionecittaceleste

La Lazio conquista il terzo posto nella serata che più di tutte ha lasciato l’amaro in bocca ai tifosi biancocelesti. L’ex difensore Laziale Francesco Colonnese, ai microfoni di Radio IES, analizza il rendimento della squadra: “Peccato per l’espulsione di Cavanda. Senza quell episodio sfortunato la Lazio avrebbe vinto senza difficoltà. Mi è sembrata la copia della partita di Palermo, sofferenza nel primo tempo, poi il vantaggio  e il controllo della gara. Cavanda ha commesso un’ingenuità che ha complicato e compromesso il finale. La Lazio ha interpretato bene la sfida, Ciani è riuscito a contenere Toni. Però quello è il reparto dove la Lazio deve migliorare. Nel ballottaggio tra Cana e Ciani continuo a preferire l’albanese anche se non è il mio centrale ideale. Io farei giocare Radu in mezzo così la Lazio farebbe il salto di qualità definitivo. Lo stesso Cavanda  non mi convice fino in fondo. Deve rimanere più concentrato per tutta la durata della partita. Domenica contro il Cagliari credo sia giusto dare anche spazio a Klose dal primo minuto. Entrare a pochi minuti dalla fine non lo avrà reso felicissimo, un’opportunità dall’inizio credo sia la scelta giusta per recuperare l’aspetto motivazionale del Tedesco. Poi lo merita la sua storia, la sua carriera e la sua professionalità. Può essere molto importante per la Lazio diventando decisivo in alcuni momenti della stagione. Anche se Djordjevic mi piace tantissimo e mi ricorda Vieri. Riesce a far bene tutte le fasi di gioco, aiuta la squadra restando decisivo e presente in zona goal. Sono contento anche per Biglia che finalmente sta dimostrando tutto il suo valore. L’errore è stato farlo giocare per troppo tempo insieme a Ledesma. Ha sbagliato chi li ha schierati insieme rovinando le prestazioni di entrambi. Sono due giocatori identici con le stesse caratteristiche e non possono giocare insieme. Così come non possono coesistere Verratti e Pirlo. Adesso che gioca da solo nel suo ruolo sta dimostrando tutto il suo valore. Diventa fondamentale anche il recupero di Basta sulla fascia destra perchè il punto debole rimane la difesa. Però mi piace molto la mentalità che è riuscito a trasmettere Pioli. La squadra cerca sempre la vittoria anche se in inferiorità numerica, questa Lazio considerando che non gioca nelle coppe potrà lottare per posizioni di classifica medio-alta. Il terzo posto è l’obietivo raggiungibile della stagione. Se a Gennaio la squadra fosse nei primi posti della classifica sarebbe giusto intervenire sul mercato, per rinforzare il reparto difensivo, al momento ci sono tutti giocatori sullo stesso livello. Anche De Vrij non sta ripetendo le prestazione del Campionato del Mondo. Magari con Gentiletti sarebbe stato diverso. Però nonostante questo la Lazio ha tutte le credenziali per centrare il piazzamento Champions”. (radio IES)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy