• TUTTO SUL MERCATO DELLA LAZIO: DOVE? SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

Lotito: “Coppa Italia meritata. E Inzaghi resta…”

Lotito: “Coppa Italia meritata. E Inzaghi resta…”

Queste le parole del numero uno biancoceleste in Figc il giorno dopo la conquista del quinto trofeo della sua gestione. C’è da sciogliere pure il futuro del figlioccio Simone…

di redazionecittaceleste

ROMA – E’ bella la festa anche il giorno dopo. Così gongola, il presidente della Lazio Claudio Lotito, all’uscita dalla sede della FIGC, dopo la vittoria della settima Coppa Italia italia biancoceleste. E’ il quinto trofeo della sua gestione:

“Abbiamo conseguito un trofeo che ripaga di tutti gli sforzi fatti, soprattutto delle potenzialità della squadra. Non penso che non avesse le potenzialità per attestarsi nelle prime posizioni in classifica. Il fatto stesso che ieri abbia vinto meritatamente, al di là delle dietrologie, con l’Atalanta che veleggia verso la Champions, significa che aveva le potenzialità per potersi confrontare con tutti. Dico l’Atalanta, non le partite vinte contro le squadre che stanno in posizioni di classifica superiori. Nel calcio poi ci sono i fattori imponderabili, partite che nascono in una maniera e finiscono in un’altra, sicuramente noi abbiamo due o tre situazione di cui potremmo rammaricarci, ma questo non significa che l’allenatore non è bravo o i giocatori non sono bravi, purtroppo gli infortuni e tutta una serie di fattori imponderabili hanno determinato il mancato raggiungimento di posizioni in classifica che fossero consone alla qualità e alle potenzialità della squadra”.

FUTURO

Adesso c’è un tecnico in panchina confermato, Lotito giura di non aver mai pensato di cacciarlo: “Inzaghi chi è che l’ha mai messo in discussione? Queste sono leggende giornalistiche, non mi risulta che abbia mai detto che Inzaghi debba andare via o che non mi soddisfi. Tutto l’opposto, Inzaghi l’ho scelto io, l’ho definito un mio figlioccio, è una persona capace. Poi perfetto nella vita non è nessuno, né io, né lei. Lui ha dimostrato di saper far emergere la qualità della squadra, i cambi sono stati giusti, che hanno prodotto un certo risultato. Quindi di che parliamo? Ma io non parlo oggi dopo la finale di Coppa Italia, la mia posizione è sempre stata questa, prima e dopo la partita. Poi come in tutte le cose il presidente deve seguire, confrontarsi e indirizzare. Il mio ruolo è proprio questo, di far rendere al massimo tutti coloro che partecipano alla realizzazione del progetto. Gli stessi medici hanno rimesso in pista Milinkovic, io mi ci sono confrontato. Io ascolto tutti, poi sta a me decidere perché sono il presidente, faccio la sintesi e decido. Così funziona una società che utilizza la famosa logica aristotelica”.

DAL 2 MAGGIO CITTACELESTE TV LA TROVI SUL CANALE 85 DEL TUO DIGITALE TERRESTRE. RISINTONIZZA I CANALI ERESTA CONNESSO H 24 AL MONDO LAZIO!
Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy