Mauri: “Le difficoltà della Lazio sono normali, ma non è finito il ciclo”

Le sue parole

di redazionecittaceleste

ROMA – Stefano Mauri, ex centrocampista e capitano della Lazio, ha parlato a TMW Radio. Le sue parole: “Credo che fosse nell’aria questa situazione. Quando una squadra gioca la Champions e non è abituata, è inevitabile che in campionato lasci qualcosa per strada. Ne primo tempo si è vista una grossa differenza ma la Lazio non ha concretizzato. Il secondo tempo è stato più equilibrato e addirittura meritava di più il Benevento. E’ normale fare bella figura in Champions dopo anni che non ci vai. E’ un fattore mentale e fisico. In campionato devi fare turnover, poi i giocatori sono stanchi per le energie mentali che lasci per strada affrontando la Champions. Credo che la squadra sia molto forte, lo ha dimostrato lo scorso anno prima del lockdown e anche ora nelle partite importanti. Il problema è che quando ha solo due giorni per preparare la partita e recuperare, fa fatica. Quando la Lazio ha la possibilità di avere una settimana di lavoro, i risultati di vedono. Ma quando giochi ogni 2-3 giorni fa fatica, riescono meno a recuperare fisicamente e a preparare le partite. E poi ci sono gli episodi che fanno la differenza”.

Poi prosegue: “Il mercato? C’era poco da investire, con la pandemia tutte le società hanno avuto grosse difficoltà economiche. Muriqi lo volevano anche altri, è un giocatore importante ma lo abbiamo visto poco, Pereira ha fatto vedere buone qualità, può giocare al posto di Correa e Luis Alberto, è un acquisto importante ma serve tempo per adattarsi. Poi c’è la situazione Lulic, che ancora deve tornare. Non credo sia un ciclo finito. Certo, ci sono giocatori a scadenza a fine anno, poi c’è anche in bilico il futuro di Inzaghi. Vedremo poi se arriveranno offerte per Milinkovic, Correa e Luis Alberto. Vedremo cosa deciderà a fine stagione la società. Inzaghi? Ha dimostrato l’amore per i colori e per questa società. Per Lotito è un di famiglia e cercheranno di andare avanti. Quando in una squadra un tecnico sta 4-5 anni forse è troppo. E se non cambi il tecnico, devi cambiare almeno 5-6 elementi in rosa, altrimenti la situazione poi diventa monotona. Vedi la Juve, che dopo alcuni anni ha cambiato Conte e Allegri, per dare nuove motivazioni”.E intanto, parlando del mercato della Lazio, arrivano grosse indiscrezioni: “9 trattative possibili a gennaio!” >>> LEGGI SUBITO LA NOTIZIA

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy