Il meglio e il peggio di Lazio-Napoli: Ciro bellezza. Ma… Acerbi?

Il meglio e il peggio di Lazio-Napoli

di redazionecittaceleste

Lazio-Napoli, il meglio

IMMOBILE – Ma che girata hai fatto nell’area piccola? Ma che gol hai fatto, poi, svettando come se fossi un Dio tra gli umani? Ciro si conferma grande e si conferma Re. Prestazione bellissima, gol ancora meglio. Lode a te, o re!

LUIS ALBERTO – Evviva, evviva, è tornato! Nella sera della sua 150esima partita con la maglia della Lazio, il Mago torna al gol e corre ad abbracciare Inzaghi come a dire: ma che state a dì, qua tutto bene, qua ce se vole bene. La prestazione e il gol, sono un grande auspicio per il proseguo della stagione.

GLI ESTERNI – Fanno il loro, finalmente. Spingono e coprono. Lazzari annulla Mario Rui e sorprende con un paio di diagonali, Marusic dimostra che può giocare anche nel ruolo non suo con una pennellata – perfetta – col piede non suo.

INZAGHI – Nelle giornate nefaste dei punti persi ha palesato qualche limite, sbagliando qualcosa in fase di preparazione della partita (contro Udinese e Verona, per esempio). Ieri, contro il Napoli, torna condottiero e stratega imbrigliando Gattuso in una gara che non lo vede mai realmente in corsa. Ottima Lazio, ripartire da qui!

Lazio-Napoli, il peggio

ACERBI – Ma non doveva giocare? Viene da chiedersi come sia stato dato l’ok per scendere in campo. Ancora una volta, pare esserci qualche problema nell’interfaccio con lo staff medico. Ma il vero flop e non avere il Leone in dote. Inzgahi proverà, ancora, a recuperarlo in vista del Milan.

HOEDT – Parte male, si fa eludere sovente da Petagna, Inzaghi lo pressa – psicologicamente – mandando a scaldare Patric e la musica cambia. Cresce ed è preciso. Si conferma altalenante.E intanto, parlando del mercato della Lazio, arrivano gccrosse indiscrezioni: >>> “9 trattative possibili a gennaio!”<<<

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy