Cirone di ritorno: con la Champions il bonus e niente Napoli a giugno

Immobile è pronto per tornare a segnare e mettere il turbo come alla prima giornata d’andata.

di redazionecittaceleste

ROMA – Cirone di ritorno dopo il meritato riposo. E’ carico a palla, Immobile, aveva proprio bisogno di staccare, ora è pronto a tornare a segnare. L’ultima volta, l’otto dicembre, aveva trasformato il rigore illusorio con la Samp.
unnamed
Su azione il gol gli manca addirittura dalla sfida precedente col Chievo. Ciro ha collezionato pali e traverse nelle ultime sfide, ha pagato gli sforzi d’inizio stagione. Per mesi ha dovuto fare pure il lavoro di Milinkovic e Luis Alberto, non è un caso che sia già in doppia cifra (10 gol) nonostante un mese di digiuno. Fra i cannonieri adesso è scivolato al quarto posto in classifica, ma mister Inzaghi lo ha stimolato pure in vacanza a Dubai, è convinto che sarà lui a vincerla. A fine maggio scorso arrivò a pari merito con Icardi, ma nell’anno solare 2018 Immobile con 23 reti rimane nettamente il bomber più prolifico. Persino aggiungendo gli assist (4), il re della Serie A è Ciro. Nell’ultima gara col Toro era di nuovo sotto tono, al rientro lunedì a Formello ha sfoggiato però il solito sorriso. Non vede l’ora di ripartire e rimettersi sulle spalle la Lazio, Immobile, stavolta vuole che un suo gol al Napoli sia decisivo. All’andata sfoggiò una prodezza di tacco, prima di piazzare la palla all’incrocio. Domenica prossima promette di far esplodere il Vesuvio. Tornerà a casa, anche se ormai è Roma la sua casa. Ha messo radici nella capitale e non ha nessuna intenzione di lasciarla. Anche se proprio il club partenopeo a distanza continua corteggiarlo. Si vocifera che se a giugno dovesse liberarsi di Mertens, De Laurentiis tornerebbe all’assalto. Ma adesso Ciro è il terzo italiano più costoso (69,8 milioni secondo il Cies) e sopratutto è un figlioccio di Lotito. Ha festeggiato a Dubai il nuovo anno, a mezzanotte ha fissato un nuovo proposito. Stavolta Ciro vuole tornare a tutti i costi a giocare in Champions. Anche perché c’è pure il solito bonus nel suo stipendio. Deve insomma ricominciare a segnare per se stesso e per la Lazio. Perché la qualificazione porterà nelle casse biancocelesti 40 milioni.

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy