Giallo biglietti: “Volevo vedere solo il primo volo di Olimpia”

ROMA – Bella vittoria della Lazio, ieri sera, davanti a quasi 10000 tifosi che hanno potuto ammirare le sette sberle rifilate al Bassano Virtus. Ma, purtroppo, la redazione di cittaceleste.it, raccoglie la testimonianza di un tifoso, Chircea Mihai, scontento di non poter essere andato a vedere la partita a causa…

di redazionecittaceleste

ROMA – Bella vittoria della Lazio, ieri sera, davanti a quasi 10000 tifosi che hanno potuto ammirare le sette sberle rifilate al Bassano Virtus. Ma, purtroppo, la redazione di cittaceleste.it, raccoglie la testimonianza di un tifoso, Chircea Mihai, scontento di non poter essere andato a vedere la partita a causa della mancata erogazione del biglietto nel punto vendita di Via Calderini. Ecco la sua testimonianza:

 

 

E’ succeSsa una cosa a Lazio Style in via Calderini. Siamo arrivati verso le 17 per comprare i biglietti, avevamo un numero di ordine. Si muovevano lentamente allo sportello,come delle lumache. Avevo il numero 1083, erano al 550 alle otto meno cinque. La gente si stava spingendo, eravamo più di cinquecento. Alle otto e mezza non entravano più nessuno. Non lo trovo giusto, la mattina il negozio era chiuso. In poco tempo la gente non poteva più comprare i biglietti. Siamo arrivati all’obelisco della Tevere, per parlare con un dirigente. Io ho messo il mio biglietto di ordine, hanno chiamato gli Steward, mi hanno chiesto il biglietto. Eravamo registrati, bastava fare una lista e potevamo entrare pagando anche il doppio del prezzo, siamo qui, vogliamo vedere solo la prima partita della stagione. Allora se arriviamo in Champions quando lo devo comprare il biglietto oggi, per non correre il rischio di perderlo? La legge mi dice che io alle 20,25 posso comprare il biglietto,penso che sia così. Noi volevamo che qualcuno si scusasse per non avermi fatto vedere il primo volo dell’aquila. A quel punto ho chiesto a qualcuno di voler parlare con un responsabilee della biglietteria, di chi si occupa di stampare i biglietti, un dirigente della Lazio,chiamatemi Tare o Lotito. Hanno detto di aspettare, siamo stati fuori fino al fischio finale, abbiamo sentito il boato dei gol da fuori,non vogliamo entrare gratis, vogliamo solo vedere la partita, pagando il biglietto, ma niente. Dall’acquisto del biglietto, sono venuto da Parigi in ferie con la mia famiglia. Non posso andare a Milano, volevo vedere la prima partit della Lazio. Non penso sia una cosa normale che non possa comprare i biglietti. Il signor Lotito ha bisogno dei tifosi, premetto che non ho nulla contro di lui, ma sappia che c’erano 500 tifosi che volevano sostenere la Lazio contro il Bassano, ma non lo hanno potuto fare a causa di un disservizio”.

 

Inoltre abbiamo riscontrato un trattamento scortese nei confronti di qualche altro tifoso nel punto vendita Lottomatica di Piazzale Flaminio dove addirittura, nel primo pomeriggio di ieri, si lamentava una mancanza di linea con l’impossibilità quindi di erogare i biglietti, e conseguente “cacciata” di alcuni tifosi che si sono rifugiati nel vicino punto vendita di Corso Francia. Un caos, a cui speriamo la società possa porre rimedio per evitare spiacevoli episodi nelle partite future.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy