• LE ULTIME NOTIZIE SULLA LAZIO? TUTTO IN DIRETTA SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

La cabala dice Lazio regina della Coppa Italia

La cabala dice Lazio regina della Coppa Italia

Più vittorie e più trofei celebrati dai biancocelesti rispetto ai prossimi avversari rossoneri

di redazionecittaceleste

ROMA – Negli ultimi 22 anni la Lazio è stata la regina di Coppa Italia. Ne ha vinte 5: più della Juve e dell’Inter, 4 a testa in questo periodo. Ha giocato 103 partite, una in più dell’Inter, e stasera diventeranno 104.

eccezzzionale
Ne ha vinte 60: è a +3 sui nerazzurri, a+ 8 sulla Juve, tutte le altre dietro, il Napoli addirittura ne ha vinte 23 di meno. Ne ha perse “solo” 21: la Roma, per dire, ha 11 sconfitte in più. Ha una media-partita di quasi 2 punti, anche in questo caso la migliore. Tutto cominciò ad Andria, era il 3 settembre 1997, con un’autorete di Recchi, romano, classe 1970, che deviò nella sua porta un destro al volo di Rambaudi; poi una doppietta di Signori chiuse il 3-0. In quel 1997-98 la Lazio vinse 4 derby su 4, due anche in coppa, 4-1 all’andata e 2-1 al ritorno con la beffa di Gottardi al 94’; e alla fine, il 29 aprile 1998, Eriksson e Nesta alzarono il trofeo all’Olimpico dopo aver rimontato il Milan nella doppia finale (0-1 e 3 -1). Signori non c’era più: se n’era andato a dicembre alla Samp, lasciando in eredità 6 reti in 4 partite che gli bastarono per vincere il titolo di capocannoniere di quell’edizione. Dal 1997-98 al 2018-19 fanno 22 coppe: nella bacheca biancoceleste ne sono entrate altre 4. Nel 2000, superando in finale l’Inter (2-1 e 0-0) e chiudendo la doppietta 4 giorni dopo lo scudetto, in campo parecchi giocatori avevano i capelli tinti di biondo; nel 2004, 2-0 e 2-2 con la Juve, Fiore mattatore con 3 gol su 4; nel 2009, partendo da lontano (5-1 ad agosto al Benevento che sul 2-1 prese un palo…), arrivando in finale con 6 vittorie su 6 e superando la Sampdoria ai rigori; nel 2013, poi, Lulic, basta la parola, per lo storico 1-0 nel derby. E sfiorando un altro successo nel 2015, quando solo il doppio palo di Djordjevic impedì di stendere la Juve nei supplementari.

In questa coppa la Lazio è imbattuta da 2 anni, dopo un’altra sconfitta in finale con i bianconeri: lo 0-2 senza discussioni del 2017. L’anno scorso è uscita ai rigori – sottolinea il Corsera – dopo un doppio 0-0 col Milan e stasera, a San Siro, ripartirà da un altro 0-0 con i rossoneri. C’è un sinistro precedente: una serie-record di 17 partite senza sconfitte, a fine anni Settanta, venne vanificata da due eliminazioni dal dischetto nei quarti di finale, prima col Palermo (’79) e poi col Torino (’80), in entrambi i casi dopo un doppio pareggio senza gol. I rigori decisivi li sbagliarono – all’Olimpico – due ragazzi: il 19enne Tassotti contro i siciliani, il 21enne Cenci, chi lo ricorda?, contro i granata. Inzaghi si augura che la storia non si ripeta. Anche per sfatare il tabù-Gattuso: perché lui non è mai riuscito a batterlo, il suo vecchio compagno di corso a Coverciano, in 6 scontri diretti.

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy