• LE ULTIME NOTIZIE SULLA LAZIO? TUTTO IN DIRETTA SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

L’Atalanta in Champions sempre più in pressing su Inzaghi

L’Atalanta in Champions sempre più in pressing su Inzaghi

Il tecnico scioglierà nelle prossime ore il suo futuro in biancoceleste. Occhio anche alle sirene del Milan, pronto a mandar via Gattuso

di redazionecittaceleste

ROMA – L’ultima istantanea del campionato di Simone Inzaghi è un lungo applauso allo spicchio dello stadio Grande Torino riservato ai tifosi laziali. Un ringraziamento per quello che è stato e chissà, magari anche per quello che sarà. Il futuro del tecnico resta un rebus seppur all’orizzonte il cielo è più biancoceleste. Le nuvole nere dei giorni scorsi si stanno via via diradando. Tutto risolto? Nemmeno per idea. Ci vorrà altro tempo. Quanto? Difficile dirlo vista la velocità con cui cambia l’umore di Inzaghi e di Lotito. Dalle urla a Formello alla telefonata dai toni pacati: tutto nello spazio di poche ore. A rendere tutto più speziato ci sono le sirene della Juve e il richiamo sempre più forte della Champions con l’Atalanta. Da non sottovalutare nemmeno il Milan. E poi c’è quel silenzio assordante del tecnico che non regala parole a cui aggrapparsi. Anche ieri non si è presentato in conferenza stampa. Intanto cala il sipario su una stagione costellata da grandi gioie (la vittoria della Coppa Italia) e cocenti delusioni (ancora una volta fuori dalla Champions). Rispetto allo scorso anno, a livello di punti e piazzamento, è stato fatto un passo indietro. Ed è proprio questo che il presidente della Lazio ha rimproverato ad Inzaghi. Quel “figlioccio” a cui aveva consegnato una “Ferrari” da quarto posto. Niente da fare. Non è un caso che nel corso della stagione il patron laziale abbia avuto diversi dubbi sul tecnico. Il successo in Coppa Italia però ha dato un colpo di spugna. Lotito vuole proseguire con Inzaghi. Concetto ribadito ieri a chiare lettere anche dal ds Tare: «Ci siamo visti in settimana e gli incontri sono stati fatti per capire tante cose. Inzaghi, però, non ha un contratto in scadenza, perciò tutta questa tensione che si sta creando mi sembra un po’ esagerata. Per noi Inzaghi resta, lo ha detto il presidente, lo penso io e credo che anche il mister la pensi così. Non penso che ci siano dubbi in merito». Eppure qualche punto di domanda il tecnico lo aveva posto nel corso dei vari incontri. Ma il ds laziale non si sbottona: «Se il mercato potrà incidere sulla sua scelta? La cosa importante è che la Lazio nella prossima stagione abbia di nuovo una rosa per competere ai piani alti». Già ma le garanzie tecniche sono al primo posto per Inzaghi.

PREMIO E DURATA
Sarà la settimana decisiva, quella che metterà il punto prima della partenza del tecnico, venerdì, per gli States. Già nella giornata di oggi potrebbe esserci un’ulteriore svolta. Lotito vedrà nuovamente Inzaghi. Curiosità: entrambi saranno premiati alle 15,30 al circolo Canottieri Aniene. Chissà se Simone si presenterà. Un altro nodo del contendere oltre al mercato e al cambio di parte dello staff fisioterapico è la durata del contratto. Il presidente propone un rinnovo fino al 2022, Simone, invece, a questo punto preferirebbe firmare per un solo anno. Un’altra stagione e poi si farà di nuovo il punto. Il numero uno biancoceleste non vuole però trovarsi punto e a capo. E’ sicuro di spuntarla ma al tempo stesso è pronto anche a non farsi trovare impreparato in caso di un mancato accordo. Ecco perché da giorni scandaglia il mercato: Mihajlovic era già stato sentito, Liverani avanza, Giampaolo è sempre sulla lista, poi c’è la prima idea De Zerbi e la novità Conceiçao. Insomma i dubbi restano. Ancora per poco.

DAL 2 MAGGIO CITTACELESTE TV LA TROVI SUL CANALE 85 DEL TUO DIGITALE TERRESTRE. RISINTONIZZA I CANALI E RESTA CONNESSO H 24 AL MONDO LAZIO!

Cittaceleste.it

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. carra.mari_153 - 1 anno fa

    l’importante che la Lazio continui a stare così bilanci a posto. Altrimenti si fa la fine della Roma o Milan che sono costretti a vendere per farexquadrare un poco i conti. Lotito se vende e ‘ perché vuole vendere non perché e ‘ costretto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Red - 1 anno fa

    lo dico con l’amaro in bocca…ma se vogliamo essere sinceri fossi Inzaghi valuterei seriamente le offerte di Atalanta e Milan (ovviamente anche Juve, ma credo siano solo voci di corridoio)
    Società che almeno sulla carta pianificano e proggettano per il futuro, per la nostra Lazio con questo presidente il futuro continuerà ad essere la coppa Italia se tutto va bene e la qualificazione Champions persa per gli arbitri, il campo, la var e la congiunzione in trigono di Marte con Venere e Plutone…
    Comunque sempre forza Lazio!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy