Lazio – Sampdoria, Inzaghi: “Vittoria sofferta, ma meritata. Bayern l’unica pallina che non volevamo”

Le parole del tecnico biancoceleste al termine della gara dell’Olimpico contro i blucerchiati di mister Ranieri

di redazionecittaceleste
Simone Inzaghi nel post Bologna - Lazio

ROMA – La Lazio riprende la sua corsa verso il quarto posto. Il match dell’Olimpico contro la Sampdoria termina 1 a 0 grazie alla rete di Luis Alberto al 24′ del primo tempo. Al termine del match ha parlato ai microfoni di Sky Sport il tecnico biancoceleste Simone Inzaghi: “Penso che oggi avevamo una partita molto difficile, la Sampdoria è in un ottimo momento. Noi abbiamo disputato un buon primo tempo, ma dovevamo segnare un altro gol. Nella seconda frazione abbiamo sofferto. La squadra è stata brava in difesa, anche gli attaccanti hanno aiutato la retroguardia. In questo periodo di emergenza dobbiamo soffrire tutti insieme. Visti i tiri in porta penso che abbiamo meritato la vittoria. Le mie riserve sono quelle che ci hanno permesso di passare il turno in Champions e di essere in un’ottima posizione in campionato. Dalla sosta del campionato dell’anno scorso, non siamo più riusciti ad essere al completo. Giochiamo insieme da quasi 5 anni, i nuovi vanno inseriti in maniera graduale. Stiamo raggiungendo i nostri due obiettivi, passare agli ottavi in Champions e confermarci fra le prime quattro. Milinkovic sa che abbiamo tanto bisogno di lui in fase di non possesso, sta unendo un grandissimo lavoro qualitativo con la palla ad un lavoro costante senza palla. Siamo orgogliosi di lui. Non ho rivisto l’episodio di Musacchio contro Quagliarella. Dobbiamo migliorarci ogni anno senza porci limiti. Il Bayern era l’unica pallina nell’urna che non volevamo. Sono campioni di tutto, anche se hanno qualche problematica. Me la sarei giocata con entrambe le squadre al completo. Avrei voluto godermi il match con lo stadio pieno e con i miei tifosi”.

Simone Inzaghi durante Lazio-Sampdoria
Simone Inzaghi durante Lazio-Sampdoria

Inzaghi in conferenza: “Sono molto soddisfatto perché temevo questa partita. Sapevo di incontrare un avversario in salute. Abbiamo disputato un ottima gara, soprattutto nel primo tempo. Nel secondo abbiamo sofferto, ma in Serie A ci sono poche partite in cui non si soffre. La squadra tutta insieme, anche gli attaccanti, ha difeso molto bene contro i calciatori di qualità inseriti da Ranieri. Purtroppo sono arrivato a questo match con due squalifiche e 4 infortuni e con Pereira con la febbre. Era troppo importante vincere oggi. Con il Bayern dovrò vedere chi avrò a disposizione. Dopo la partita di solito c’è sempre qualche problema. Abbiamo voluto con tutte le nostre forza arrivare a quel match e ce lo andremo a giocare con tanto entusiasmo”.

 

 

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy