1 vs 1 – Muscoli e tecnica: sfida per il dominio tra Milinkovic e Nainggolan

1 vs 1 – Muscoli e tecnica: sfida per il dominio tra Milinkovic e Nainggolan

Ecco la nostra rubrica che descrive le partite della Lazio attraverso i duelli sul rettangolo di gioco.

di redazionecittaceleste

ROMA – Una partita di calcio è una storia. Un racconto costituito da colpi di scena, epiloghi a volte inspiegabili e situazioni complesse, analizzabili da vari punti di vista che spesso non mettono d’accordo tutti. Ma soprattutto, è composta da personaggi: i protagonisti che attraverso le loro azioni – positive o negative che siano – danno forma alla storia, la rendono interessante e a volte addirittura epica. L’attesissimo derby capitolino ci mette di fronte ad uno dei duelli più avvincenti che il campionato nostrano può offrire: i ‘pesi massimi’ del centrocampo di Lazio e Roma Sergej Milinkovic-Savic e Radja Nainggolan.

LEADER TECNICI E NON SOLO
Sergej Milinkovic-Savic, centrocampista della Lazio
Centrocampisti completi ne abbiamo? Copertura, capacità di inserimento, tecnica e gol: i centrocampisti della Capitale sono tra i migliori esponenti del ruolo che possiamo vantare noi del Bel Paese. Nonostante un rapporto non proprio idilliaco con le rispettive nazionali, Milinkovic e Nainggolan ormai sono giocatori di livello internazionale. Le squadre romane hanno nelle loro due mezzali dei veri e propri gladiatori da mandare nell’arena del derby di questa sera, una partita che potrebbe rivelarsi decisiva per la conquista di un prezioso posto Champions. Ma la gara dell’Olimpico potrebbe essere anche l’occasione per tornare a vedere SMS e il belga nel loro massimo splendore.
APPANNAMENTO
Radja Nainggolan, centrocampista della Roma

La stracittadina può aiutare, o almeno si spera. E’ da circa due mesi infatti che Milinkovic non fa stropicciare più gli occhi ai tifosi biancocelesti, che sin dall’anno scorso si erano abituati decisamente bene. Proprio negli ultimi tre derby della scorsa stagione infatti il Sergente si era dimostrato uomo risolutivo, segnando due reti e regalando prestazioni di ottimo livello. Inzaghi punta sul fatto che il serbo possa ripetersi e che possa tornare ad imbizzarrirsi come un toro quando vede il colore (giallo) rosso. Anche se non al meglio della condizione, la sua fisicità è fondamentale per la Lazio, e lo sciagurato quarto di finale di Salisburgo non può che confermarlo. Dall’altra parte della barricata, anche Nainggolan non sta benissimo fisicamente, ma l’errore più grande sarebbe quello di considerarlo già fuori dai giochi. Nel derby d’andata infatti il belga era stato in dubbio fino all’ultimo, per poi scendere in campo e decidere la stracittadina con una rete. Il suo carisma e la capacità di interpretare mirabilmente le due fasi lo rendono uno degli uomini più temibili per la truppa di Inzaghino, che confida proprio nel suo Sergente per tenere a bada l’ex-Cagliari. Entrambi hanno un futuro incerto, ci sono molte squadre che li accoglierebbero a braccia aperte, ma intanto stasera sappiamo dove trovarli. Stasera sarà tempo di dimostrare, di duellare. L’arena è pronta, i gladiatori anche: che il derby d’alta quota abbia inizio.

 

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:
I CONVOCATI DI INZAGHI
LE ULTIME DA FORMELLO
Seguici anche su Facebook!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy