Anastasi: “Immobile? Un misto tra Giordano e Messi. Su Caicedo…”

Anastasi: “Immobile? Un misto tra Giordano e Messi. Su Caicedo…”

Ecco le sue parole

ROMA –  Filippo Anastasi, intervenuto oggi ai microfoni di Lazio Style Radio, ha detto: “Immobile è un misto tra Giordano e Messi, spazia a tutto campo, è un centravanti quasi anomalo. Non ci sono aggettivi per lui. Quando sarà affiancato da Anderson o Nani sarà ancora più dirompente. Ci tiene all’ambiente, si è caricato addosso la Lazio e si è tinto dei colori biancocelesti. La forza di questa squadra è il senso di appartenenza e Inzaghi ha dei grandi meriti. Il capitano di questa Lazio è uno e trino. È vero che la fascia ce l’ha Lulic, ma Immobile e Parolo si sentono comunque capitani. Non dimentichiamoci anche del contributo preziosissimo di Radu. E questo è un bel segnale, significa che la squadra è compatta. Significa che tutto fila liscio come l’olio. I giocatori se ne rendono conto, sono in una società storica, con un tifo che si spera possa fare sempre di più per questa Lazio. Io ricordo partite di anni fa nelle quali l’Olimpico era strapieno, invece adesso quando ci sono 45.000 tifosi facciamo festa. Spero che prima o poi si arriverà a quota 75.000 spettatori, la squadra se lo merita”.

Sui nuovi arrivati e su Luis Alberto, ha dettoSono molto contento che Biglia sia stato sostituito da Leiva. Ho qualche rimpianto per Keita, ma ormai sono andate così le cose. Questa squadra è un mix tra quella di Maestrelli e quella di Eriksson. Ma a differenza di quelle rose ha una coralità in più, il gruppo è compatto. Luis Alberto mi sembra assomigliare sempre più a Mancini. Mi prendo il merito di aver detto all’inizio dell’anno scorso che sarebbe stato un grandissimo giocatore. Non è il sostituto di Candreva, è un giocatore di tutt’altra pasta, ha una strategia in campo totalmente differente. Adesso ho le stesse sensazioni per Caicedo, vedremo se avrò ragione anche questa volta. Mi dicono gli amici del Portogallo che Pedro Neto sia un fenomeno, io lo vedo ancora un po’ gracile fisicamente, ma ho sentito che ha una tecnica sopraffina. Ci sono diverse soluzioni, anche di modulo, la Lazio è una grande squadra”.

Sulla partita contro la Juventus, ha detto: “Credo che con la Juventus, se gli infortuni ci danno tregua, faremo una bella gara. Il calcolo delle probabilità dice che dopo 25 neri esce un rosso e secondo me questa volta allo Stadium sarà un rosso”.

Cittaceleste.it

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy