Keita al contrattacco: “Mi fa male il ginocchio”. Peruzzi risponde: “Si farà i fatti suoi dove più gli piace” e il suo ex agente…

Keita al contrattacco: “Mi fa male il ginocchio”. Peruzzi risponde: “Si farà i fatti suoi dove più gli piace” e il suo ex agente…

Su facebook l’attaccante racconta la sua verità: “Pur non condividendo questo modo di fare, darò tutto per la Lazio e per i suoi tifosi. Perché io sono orgoglioso di vestire questa maglia, e gioco per la Lazio non per un progetto o per gli interessi di qualcuno!!!”

AGGIORNAMENTO ORE 14,46 – Ad intervenire sulla questione anche l’ex agente di Keita, Nunzio Marchione con un tweet indirizzato al suo collega Roberto Calenda: “A fare i procuratori mandando al fronte i calciatori, sono capaci tutti. #Etica“.

AGGIORNAMENTO ORE 22,51 – Non si fa attendere la risposta del Club Manager, Angelo Peruzzi che entra a gamba tesa sul talento senegalese, attraverso il sito ufficiale della Lazio: “Keita? Ancora sto cercando la persona che gli abbia detto di non rischiare contro l’Atalanta; capisco benissimo, visto che ho giocato 20 anni, che un forte dolore al ginocchio può indurti a dire cose non tue o che non vorresti.Comunque, sapendo che il ragazzo ha un forte attaccamento alla squadra, alla maglia e ai tifosi, ho subito attivato 5 persone dello staff sanitario per poterlo curare nel pomeriggio, così da recuperarlo il prima possibile.Peccato che non si è presentato, lo comprendo però, perché penso che il dolore al ginocchio era così forte da rimanere e fare i fatti suoi dove più gli piace

ROMA – Inzaghi attacca, Keita stavolta si difende con un post pubblicato sul suo account Facebook: “Non permetto a nessuno di mettere in dubbio la mia parola. Ho un problema al ginocchio e, dopo una visita effettuata per una brutta botta, mi è stato detto di non rischiare contro l’Atalanta. Strano che non lo capisca chi è stato giocatore e ha provato queste sensazioni. Sono un professionista e vivo per giocare. Volevo andare a Bergamo per dimostrarlo. Come ho detto in passato, daró sempre il massimo per questa società. Fino all’ultimo secondo della mia avventura o del mio contratto. Anche se, come vedete, cercano di mettermi i bastoni tra le ruote in ogni occasione.  A questo punto è chiaro che qualcuno pensa, con questi metodi, di costringermi a fare quello che loro vogliono… Ho già detto più volte come la penso. Pur non condividendo questo modo di fare, darò tutto per la Lazio e per i suoi tifosi. Perché io sono orgoglioso di vestire questa maglia, e gioco per la Lazio non per un progetto o per gli interessi di qualcuno!!!”. Sotto il profilo già migliaia di commenti dei tifosi, la maggior parte fuoriosi col Balde giovane: CONTINUA A LEGGERE

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy