Bentornato Peruzzi a Formello: “Per me è una nuova avventura, speriamo di viverla al meglio” – FOTO&VIDEO

Bentornato Peruzzi a Formello: “Per me è una nuova avventura, speriamo di viverla al meglio” – FOTO&VIDEO

Queste le parole dette a Lotito: “Non voglio nessuna ingerenza di altri sul mio ruolo. Voglio aiutare Inzaghi”

AGGIORNAMENTO ORE 16:15 – Anche Lotito è arrivato a Formello. Ci sarà un breve colloquio con Peruzzi, gli ultimi dettagli sono stati limati al telefono in mattinata. Sarà il presidente a presentare il nuovo dt alla squadra, che si sta radunando in questi minuti nel centro sportivo biancoceleste. Dentro dalle 13 anche il diesse Tare e il segretario Calveri.

AGGIORNAMENTO ORE 15:20 – Nove anni dopo l’ultima volta, riecco Sant’Angelo Peruzzi a Formello. E’ tutto vero, ha appena varcato il cancello del centro sportivo per firmare e non vede l’ora alle 18:30 d’assistere già al suo primo allenamento da direttore dell’area tecnica al fianco d’Inzaghi: “Sono emozionato, per me inizia una nuova avventura e spero di viverla nel migliore dei modi”.

PERUZZI

AGGIORNAMENTO ORE 8:00 – I guantoni di Peruzzi si riallungano sulla Lazio, nozze bis da celebrare a breve. Perché, dopo la lunga chiacchierata di sabato con Lotito, l’ex portiere dovrà rivedersi nelle prossime ore col presidente per mettere nero su bianco tutte le condizioni fissate per il suo ruolo da club manager: «Totale autonomia e nessuna ingerenza da parte di Tare o altri nelle sue scelte. Non torno a Formello per un ruolo di facciata», le parole di Sant’Angelo per ricominciare a proteggere i colori biancocelesti. E anche l’amico-mister Inzaghi, suo ex compagno dal 2000 al 2007, quando Peruzzi lasciò la Lazio. Lotito, nonostante il ritiro di “forza” di Auronzo (senza alcun aiuto societario), teme ancora che Simoncino possa non essere in grado di gestire da solo lo spogliatoio. Aveva deciso di puntare sul “pugno duro” di Bielsa proprio per evitare che si venissero a creare nuove fratture e si ripetesse quanto avvenuto la scorsa stagione con Pioli. Con Inzaghi la paura di autogestione rimane nell’aria, per questo il numero uno biancoceleste ha deciso di portare avanti in solitaria quest’iniziativa. Un modo allo stesso tempo utile per riabilitarsi anche di fronte ai tifosi, che da anni invocano una figura così e ancora sono tramortiti dal dietrofront di Bielsa.

NUOVO INCONTRO – Questa mossa pregna di lazialità, già ora però, crea scompiglio. Il primo a storcere il naso è Tare. Il diesse avrà sì finalmente il tempo di dedicarsi solo al mercato, ma siete davvero sicuri che sia quello che voglia? Ormai da otto anni l’albanese è il vero “padrone” di Formello e, nonostante una apparente felicità di facciata, non è così contento di non poter più controllare ogni dinamica del centro sportivo. E, al di là delle pubbliche sinergie sbandierate, Lotito lo sta facendo di proposito. Da tempo vuole riallontanare Tare dallo spogliatoio. Da tempo vuole una figura di raccordo fra la squadra e la società, proprio per non far metter bocca all’albanese sulle questioni tecniche. Peruzzi ha dato la propria disponibilità al presidente, sta per arrivare la fumata bianca. A poco è servita qualche manovra d’interferenza. Anche Inzaghi fa il tifo per Peruzzi: i giocatori dovranno rivolgersi a lui e non più a Tare o al presidente, in caso di malumori. Peruzzi con un altro ruolo, dovrà insomma continuare a parare. Anche le telecamere: è sempre stato restio alle telecamere, Angelo ha chiesto a Lotito di non voler rilasciare mai interviste. Da questo punto di vista, è un altro uomo perfetto per il presidente. L’ex numero uno biancoceleste oggi si rivedrà con Lotito per cercare di arrivare alla firma. Ci sono ancora dei dettagli da chiarire prima della tanto sospirata fumata bianca. Se dovesse arrivare il sì, Angelo già da venerdì potrebbe iniziare il suo lavoro di “custode”. I tifosi, esasperati da una delle peggiori annate della gestione Lotito, sono rimasti abbastanza freddi di fronte alla notizia. Qualcuno teme sia l’ennesimo sogno di mezza estate destinato a svanire, qualcun’altro invece non è ancora soddisfatto e attende la chiusura del mercato. Lo stato d’animo non lascia spazio ad altre riflessioni, la verità  – scrive IlMessaggero – è che questa mossa può rappresentare il primo passo di una nuova costruzione-rivoluzione societaria.

AGGIORNAMENTO ORE 23.45 – Dovrebbe tenersi domani mattina l’incontro fra Lotito e Peruzzi. Se tutto andrà bene l’ex portiere biancoceleste firmerà come dt e assisterà già al primo allenamento a Formello nel pomeriggio. Poi, venerdì, partirà con la squadra in Inghilterra per assistere all’amichevole a Brighton.

di ALBERTO ABBATE

ROMA – Nessun incontro a Villa San Sebastiano la scorsa settimana, solo un’importante telefonata e una decisiva chiacchierata di un’ora, che allunga i guantoni di Peruzzi sulla Lazio. Secondo le nostre indiscrezioni, l’ex portiere dovrà vedersi dal vivo con Lotito nelle prossime ore per mettere nero su bianco il suo ruolo da club manager. Sant’Angelo può tornare a proteggere i colori biancocelesti, ma la verità è che l’iniziativa solitaria del presidente sta facendo storcere il naso a Tare. Il diesse avrà sì finalmente il tempo di dedicarsi solo al mercato, ma siete davvero sicuri che sia quello che voglia? Ormai da otto anni l’albanese fa e disfa tutto all’interno di Formello e ci ha preso parecchio gusto. Nonostante la sua felicità apparente alla notizia, una personalità come quella di Peruzzi difficilmente riuscirà a controllarla sotto le sue grinfie.

CACCIATA – Al contrario delle solite sinergie sbandierate, Lotito lo sta facendo di proposito. Da tempo vuole riallontanare Tare dallo spogliatoio. Da tempo vuole una figura di raccordo fra la squadra e la società, proprio per non far metter bocca all’albanese sulle questioni tecniche. Peruzzi ha dato la propria disponibilità al presidente, sta per arrivare la fumata bianca. A poco sono servite le manovre d’interferenza. Perché con questa mossa dal sapore di lazialità, finalmente Lotito spera anche di riprendere un po’ di credito con i tifosi, che da anni invocavano una figura così e oggi sono ancora tramortiti dall’affare Bielsa.

AIUTO – Il “Loco” era stato scelto anche per avere un pugno duro nello spogliatoio. La Lazio non vuole che si ripeta mai più quanto accaduto nell’ultimo campionato. E con Inzaghi il rischio di autogestione aleggia sempre nell’aria. E’ vero che Simoncino ha dimostrato in questi giorni ad Auronzo di avere più “forza” con i giocatori di quanto si pensasse. Ma Peruzzi – suo ex compagno dal 2000 al 2007 – davvero potrà dargli una grossa mano. Anzi due grossi guantoni: CONTINUA A LEGGERE

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy