Diaconale: “Le vecchie glorie attaccano la società per ingraziarsi la tifoseria, fanno il male della Lazio”

Diaconale: “Le vecchie glorie attaccano la società per ingraziarsi la tifoseria, fanno il male della Lazio”

“Il Flaminio come sede delle Nazionali? Ha una serie di limiti difficilmente superabili, alcune difficoltà di ristrutturazione”

ROMA – Arturo Diaconale è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio: “Il poco afflusso di ieri sera? Se si mettono delle barriere e per andare allo stadio bisogna superarle soffrendo, allora è chiaro che c’è un minore afflusso di persone, sarebbe un masochismo di massa andare allo stadio. L’Olimpico è uno struttura storica, ma per il calcio moderno non è fruibile. Il Flaminio come sede delle Nazionali? Ha una serie di limiti difficilmente superabili, alcune difficoltà di ristrutturazione. Ci sono dei problemi anche per il parcheggio e per gli scavi visto che è costruito su una necropoli. Bisogna ragionare sulla possibilità di creare stadi che siano ampi e permettano ingressi facili. Alcune vecchie glorie contro l’attuale società? C’è un pregiudizio ed è anche un modo per ingraziarsi la tifoseria e mettersi in polemica con la società e con la squadra, tutto questo non fa il bene della Lazio. La critica è giusta, ma quando diventa preconcetta allora passa sopra alla passione. La curva si è leggermente spaccata per questoOgni domenica è una grande occasione. Una vittoria con il Bologna metterebbe la squadra in una condizione impensabile a inizio anno. In un campionato così particolare, la Lazio senza coppe può fare bene. Domenica la squadra può sfruttare questa occasione, Inzaghi la guida bene, è molto prudente con i media e sa che tipo di responsabilità prendersi, bisogna mantenere sempre le proprie posizioni, quello che succede all’esterno bisogna sempre prenderlo con le pinze”.  Ecco le parole di Veron dopo la partita della Pace >>> CONTINUA A LEGGERE

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy