Hoedt: “Il mio orgoglio mi ha portato lontano, ho programmato tutta la mia estate”

Hoedt: “Il mio orgoglio mi ha portato lontano, ho programmato tutta la mia estate”

Ecco le sue dichiarazioni

ROMA- Wesley Hoedt questa sera giocherà dal primo minuto nella gara contro il Lussemburgo. Come anticipato dal ct Advocaat in conferenza stampa infatti, il difensore biancoceleste guiderà la difesa assieme al compagno di squadra Stefan De Vrij. Una giusta soddisfazione per un ragazzo che in questa stagione ha mostrato tutte le proprie qualità, conquistando non solo la Lazio, ma anche gli scettici che credevano non fosse pronto per il calcio italiano:  “Chiunque mi disse ‘Wesley è troppo presto’: l’ho letto e sentito dappertutto. Ma non avevo 16 anni, ne avevo 21. Il mio orgoglio mi ha portato lontano. Avevo il cuore in gola: poteva essere la mia trappola, ma anche la mia forza. Quando ti esponi, poi sei sotto pressione per raggiungere il tuo obiettivo. In Serie A si difende in modo intelligente, perfino stando in punta di piedi. Alla Juventus sono davvero dei maestri. In Italia per loro c’è grandissimo rispetto. Chiellini è adorato. Qui in Olanda dicono: ‘Che giocatore'”. Non solo compagni di reparto però. Hoedt e de Vrij infatti, a Roma praticano il Bikram Yoga e utilizzano anche il Fitlight, un sistema di allenamento che usa le luci led: “È utile per l’agilità, la reazione e la coordinazione. Per scherzare i giocatori più esperti ci chiamano disturbatori. Ma ne abbiamo tratto diversi benefici. Adesso cammino decisamente meglio rispetto a quando ero in Olanda. Ho già programmato tutta la mia estate con i personal trainer”.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy