LE VOCI – Cavaliere (Direttore Amministrativo Lazio): “La perdita è di 5 milioni. La situazione è ok”

LE VOCI – Cavaliere (Direttore Amministrativo Lazio): “La perdita è di 5 milioni. La situazione è ok”

Marco Cavaliere (direttore amministrativo della Lazio) è intervenuto ai microfoni della radio ufficiale

Lotito

ROMAMarco Cavaliere, direttore amministrativo della Lazio, è intervenuto ai microfoni della radio ufficiale, per fare chiarezza sul bilancio delle Lazio: “Lotito è alla Lazio dal 2004 e c’era un debito di 550 milioni di euro, la società era fallita.L’intervento si è articolato in due fasi: la prima ha messo in bonis la società. Si è proceduto attraverso una rateizzazione tributaria, permettendo alla società di smaltire il debito in un numero di anni maggiore con una rata di circa 6 milioni l’anno. Vorrei sottolineare che la nostra è l’unica realtà in cui i contribuenti sono stati tutelati proprio grazie a questa restituzione. Dal punto di vista sportivo invece, vi erano soltanto 8 giocatori. In dei tempi limitati andava così rifondata completamente la rosa. Il parco giocatori attuale ha un valore altissimo grazie alla capacità di individuare elementi in grado di valorizzarsi. Sono tutti di proprietà e nessuno è in prestito con diritto di riscatto”. Poi sulla seconda fase di interventi: Successivamente vi è stata una fase di sviluppo con l’implementazione del centro sportivo e del settore giovanile. Si è anche diversificata la società, creando la Lazio Marketing per aprire negozi di proprietà. Attualmente è in progetto anche la realizzazione di un albergo in centro, attraverso l’acquisto di un immobile al costo di 22 milioni. A livello sportivo è arrivata invece la vittoria di tre trofei, tra cui un trionfo storico contro la Roma. Senza considerare il grande lavoro del Settore Giovanile a livello di successi e valorizzazione di giocatori”.

SEMESTRALE – Successivamente si è entrati nel dettaglio della semestrale: “Il vero risultato economico è una perdita negativa di circa 5 milioni di euro, un risultato migliore di 7 milioni rispetto alla stagione precedente. I 15 milioni di cui si parla fanno riferimento ad un indebitamento finanziario netto autoliquidante. La situazione finanziaria è assolutamente sostenibile, andrà a diminuire nel tempo. Il cash flow è positivo, è stata prodotta cassa. 6 milioni sono stati già chiusi a gennaio, altri si chiuderanno in funzione degli incassi che percepiremo dalle competizioni europee.

CENTRO SPORTIVO – “Intanto vorrei sottolineare che da quando c’è Lotito il consiglio di gestione e sorveglianza non percepisce compensi, come visibile nel bilancio. Per quanto riguarda l’attività delle parti correlate, questa prevede degli investimenti che hanno rifondato il centro sportivo. Sono state scelte società competitive dal punto di vista economico sia per l’implementazione straordinaria che la manutenzione. Sono stati sostituiti vecchi contratti a condizioni migliorative sia dal punto di vista finanziario che di efficienza.

NUOVA ACADEMY – “È fondamentale per coltivare i talenti e seguirli in modo più approfondito all’interno della struttura. Sono investimenti tesi allo sviluppo del Settore Giovanile con l’obiettivo di produrre valori, ovvero giocatori in grado di fornire risultati sotto il profilo sportivo o economico. Rappresenta una patrimonializzazione della società e un’ottimizzazione della situazione”.

NIENTE RADDOPPIO – In molti hanno parlato di un debito destinato a raddoppiare: “. Non può esserci un peggioramento perché il cash flow è positivo di 6 milioni. Ogni numero va letto insieme agli altri, ho difficoltà a pensare che possa raddoppiare. Non bisogna confondere l’aspetto economico da quello finanziario Per tre anni sono state pagate praticamente due squadre, comprese le ritenute non versate”. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy