Ottimismo Parolo: “Io farò di tutto per esserci e la Lazio per battere la Juve”

Ottimismo Parolo: “Io farò di tutto per esserci e la Lazio per battere la Juve”

Il centrocampista e i medici tranquillizzano Inzaghi per la finale: “Noi e i tifosi meritiamo di vincere la Coppa Italia”

ROMA – E’ una botta al cuore, non solo al ginocchio di Parolo: “Ho avuto un piccolo fastidio, ma farò di tutto per esserci – giura Marco alla Domenica Sportiva – e la Lazio farà di tutto per battere la Juve che, dopo la sconfitta contro la Roma, sarà ancora più difficile da affrontare. Abbiamo comunque le qualità per riuscirci, a Firenze ci siamo solo rilassati un po’ dopo aver ottenuto la qualificazione in Europa League. Contro i bianconeri dovremo dimostrare di essere cresciuti e maturi. Mi aspetto la stessa Juve che ha giocato contro il Monaco, l’abbiamo studiata e il mister ci saprà dire dove colpirla. Il turn-over di Allegri contro la Roma era inevitabile con tutte queste partite, ma sono convinto che i bianconeri avranno la bava alla bocca in finale. Dal canto nostro, abbiamo voglia di stupire e anche la giusta sfrontatezza per fare bene. La Coppa Italia sarebbe un grandissimo sogno, i nostri tifosi si meritano questa vittoria. Daremo tutto anche perché si tratta dell’ultima partita importante della stagione. Giocare nel nostro stadio ci darà una carica in più. Vogliamo rifarci della sconfitta nella finale di due anni fa”.

LE CONDIZIONI – Tachicardia già a mille in casa Lazio, Inzaghi è in ansia per le sorti del suo centrocampista in vista della Juve, teme ancora che non ce la possa fare per dopodomani sera. Dovrà aspettare un giorno in più per avere il responso definitivo – sottolinea ilMessaggero ma dallo staff medico lo rassicurano: «Marco ha avuto un trauma contusivo, che non gli ha consentito di portare a termine la sfida di Firenze – spiega il dottor Rodia – ma su di lui sono abbastanza ottimista perché gli accertamenti hanno dato un esito soddisfacente. Sarà sottoposto a delle cure specifiche per le prossime 24 ore, ma sulla sua presenza in finale c’è più di una speranza». E a questa s’aggrappa con le unghie e con i denti, il tecnico. Per fortuna Parolo ha smesso subito di giocare al Franchi, non ha forzato dopo il contrasto con Sanchez, al 78’ s’è accomodato subito in panchina. Sabato si temeva il peggio, da ieri già si confida nel recupero lampo, che non sconvolgerebbe tutti i piani d’Inzaghi. Anche perché Lulic dovrà già forzatamente scorrazzare tutto d’un fiato sulla fascia: CONTINUA A LEGGERE

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy