Spalletti: “Noi favoriti? Non la vedo così. La Lazio è forte, l’unico dubbio era Inzaghi…”

Spalletti: “Noi favoriti? Non la vedo così. La Lazio è forte, l’unico dubbio era Inzaghi…”

Il tecnico giallorosso, in vista del derby di coppa Italia di domani sera, è intervenuto in conferenza stampa

ROMA – Alla vigilia del match, mister Spalletti è intervenuto in conferenza dalla sala stampa di Trigoria per presentare la gara di domani: “Secondo me la Lazio era stata costruita perché avesse un successo come sta avendo ed è stata costruita bene. L’unico dubbio credevo fosse l’allenatore ma ha dimostrato di non essere il rincalzo di nessuno, un allenatore che può ambire a squadre di questo livello. Abbiamo di fronte un avversario forte. Se mi aspetto una Lazio conservativa? Loro faranno la partita che sanno fare perché non ho mai visto cambiare totalmente il loro modo di essere. Riescono a compattarsi sotto palla come hanno fatto contro l’Inter, ma ogni ripartenza è fatta di corsa e di qualità, perché hanno giocatori di forza fisica, di velocità e tecnica. In tutte e due le cose che sceglieranno sono squadra, e noi dobbiamo fare altrettanto mettendoci anche di più perché vogliamo vincere questa semifinale. Qual è la forza e l’unicità di Dzeko, Nainggolan e Salah insieme? Proprio per le qualità diverse che hanno possono essere un completamento di un assieme e di una forza che poi dà sempre sbocchi importanti. Uno è fisico e tecnico, uno è veloce e leggerò però velenosissimo quando attacca la porta come Salah, l’altro sa fare tutto perché puoi chiedergli qualsiasi cosa e la sviluppa. Con dieci Nainggolan viene una squadra fortissima. Come cambia preparare il derby ma giocando un ritorno? È molto simile all’altra, perché dare tutto deve essere una costanza. Quando hai alle spalle una città e un tifo come quello della Roma ma anche quando si è un professionista hai degli obblighi di professionalità e di competenza per far vedere una convinzione e una forza, da parte mia e dei calciatori. Il derby vale triplo. La partita, l’accesso a una finale è la cosa più importante: accedere a una finale che si gioca a Roma. E perchè sta a cuore ai nostri tifosi e noi siamo sensibili a questo. In un derby si annullano le differenze tecniche? Dipende dalle differenze, anche se il derby avvicina molto le qualità e le possibilità. Ha fatto vedere che spesso il fatto emotivo può dare e togliere qualcosa. Noi favoriti? Non la vedo così. Io dico che ci sono due squadre forti che si affronteranno ad armi pari perché entrambe hanno portato avanti un discorso fatto di gioco, di vittorie, di componente squadra senza andare poi ad approfittare di niente ma solo la propria forza. Quanto incide il pubblico che anche stavolta diserterà lo stadio? La Curva Sud è casa nostra e quando si guarda a casa nostra la vedi sempre piena”. Ecco chi sarà l’arbitro di domani >>> CONTINUA A LEGGERE

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy