ESCLUSIVA – Bilancio: 2,5 milioni per Vargic, terzo portiere in scadenza. E non c’è traccia di Bielsa

ESCLUSIVA – Bilancio: 2,5 milioni per Vargic, terzo portiere in scadenza. E non c’è traccia di Bielsa

31,25 milioni spesi per 4 giocatori. Ancora nessun accenno, a differenza di Petkovic, al contenzioso con l’argentino

di ALBERTO ABBATE

ROMA – Lasciate perdere utili e perdite del comunicato stampa di approvazione del bilancio. E per un attimo concentratevi sui costi di alcuni giocatori. Domani per esempio, causa infortunio di Marchetti, fra i pali scenderà in campo di nuovo Strakosha, promosso a vice da Inzaghi già a San Siro. Ufficialmente perché “non ha imparato ancora la lingua, fondamentale per un portiere”. Ufficiosamente perché il croato non ha mai convinto nessuno da Auronzo di Cadore in poi, soprattutto il preparatore Grigioni. E pensare che per Ivan il “grande” – nel senso che non è pronto nemmeno alla veneranda età di 29 anni – la Lazio ha pensato bene di spendere a gennaio scorso 2,559 milioni. E c’è di più: li ha versati al Rijeka (o all’intermediario?) nonostante l’estremo difensore fosse in scadenza a giugno. Manco si stesse parlando di un fenomeno conteso da mezza Europa, quindi col rischio di perderlo. No, alla fine, parliamo del terzo portiere biancoceleste.

31,25 MILIONI – Dal bilancio si scoprono molte verità, anche se la Lazio prova a nasconderle non facendo nomi e cognomi. Da giugno 2016 spesi 31,25 milioni – in realtà 9, sottraendo la plusvalenza ottenuta con la cessione di Candreva e Onazi da 22,34 – per 4 giocatori a titolo definitivo. Non c’è un errore, perché sia Leitner che Luis Alberto sono stati presi in prestito con diritto/obbligo di riscatto per circa altri 8,5 milioni complessivi. Dentro la somma totale probabilmente anche tutte le commissioni (monstre quella per Jorge Mendez per Wallace, costato 8 milioni come Bastos, e per Raiola nei 6 milioni di Lukaku?) che scopriremo nella prossima semestrale alla voce “intermediazioni”.

E BIELSA? – Non c’è fra i fatti verificatisi dopo la chiusura del bilancio al 30 giugno 2015. Dove un tempo c’erano pure i contenziosi (vedi Petkovic), adesso non c’è traccia della battaglia legale avviata nei confronti di Bielsa: “Perché non è un fatto di rilievo, quando verrà fissata l’udienza ne riparleremo ovvero nella prossima semestrale”, giura l’avvocato Gentile. Difficile che i tifosi se lo dimenticheranno.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy