Né Biglia né De Vrij: a firmare è Parolo! E Lotito gli fa la solita promessa…

Né Biglia né De Vrij: a firmare è Parolo! E Lotito gli fa la solita promessa…

Rinnovo in arrivo e un futuro in dirigenza

 

ROMA – Parolo che non ti ho detto: «Resto a vita». Tutti ad aspettare Biglia, Keita, de Vrij. Invece, a sorpresa rinnova Parolo, in scadenza un anno dopo. Arrivato nel 2014, aveva firmato sino al 2019. Adesso adegua e prolunga per altri tre anni. Sino al 2022, quando avrà addirittura 37 primavere: «Perché con Marco non c’è nessun problema», giura Lotito. Nemmeno per stoppare eventualmente prima l’attività agonistica e trasportarla sulla scrivania della società. C’è la solita promessa di un futuro dirigenziale, ma soprattutto il premio al biancoceleste modello. Il primo a presentarsi mercoledì sera – scrive Il Messaggero – in grembiule per servire la beneficenza ad Amatrice: «Che bravo Marco», il commento di Suor Paola a Lotito. E il presidente: «Già, infatti l’ho incontrato oggi pomeriggio per sistemare il contratto». Non era stato modificato negli ultimi tre anni, Parolo guadagnava 1,1 milioni, adesso coi bonus raggiungerà quasi i 2 netti. S’è meritato sul campo e fuori, l’aumento, dalla sua immagine la Lazio ne trarrà ancora giovamento. D’altronde, lui è il perfetto uomo lotitiano: mai Parolo fuori posto, tantomeno con un gesto, un tatuaggio o capigliature da selvaggio. Preciso, devoto, ubbidiente. Con la faccia fiera, anche se perdente. Intanto – comunque – arriva la notizia che lascia tutti senza parole: CONTINUA A LEGGERE

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy