SICUREZZA – Ecco il piano della Questura per il derby

SICUREZZA – Ecco il piano della Questura per il derby

Ecco cosa ha deciso il Questore D’Angelo sul derby

Derby

ROMA – Si è appena concluso il tavolo tecnico, presieduto dal Questore D’Angelo, per  mettere a punto le modalità della sicurezza in previsione del week end particolarmente impegnativo che vivrà la città di Roma. Le Forze dell’Ordine saranno chiamate a garantire la tranquillità dei cittadini già dalla mattinata di sabato per una manifestazione con corteo da piazza dell’Esquilino a piazza SS Apostoli; nel pomeriggio dello stesso giorno avrà inizio uno degli eventi clou dell’anno giubilare: il Giubileo della Spiritualità della Divina Misericordia che vedrà diverse decine di migliaia di pellegrini nell’area di San Pietro con due incontri con il Santo Padre, sabato pomeriggio e domenica mattina. L’evento  si concluderà per l’ora di pranzo  con le migliaia di pellegrini che gireranno da turisti la città eterna. Alle ore 15 lo stadio Olimpico ospiterà il derby della capitale. Presenti tutti gli organizzatori delle varie manifestazioni, al cui senso di responsabilità, il Questore di Roma ha fatto appello sottolineando come la partita della sicurezza, in occasioni così complessi, si gioca sul campo della collaborazione e sul senso civico di coloro che prendono parte agli eventi. Dal canto loro, le forze dell’ordine garantiranno la sicurezza di tutti, adottando strategie di incondizionato rigore nei confronti di disturbatori ed autori di azioni illegali. In campo un articolato piano di sicurezza che prevede l’impiego di personale specializzato nella gestione della folla, di reparti addetti alla bonifiche antiterrorismo e controlli con i metal detector sistematici e/o a campione. Tutte le operazioni, coordinate dal “centro per la gestione della sicurezza dei grandi eventi” della Questura, saranno videoriprese sul campo da personale specializzato  che trasmetterà le immagini al centro di coordinamento dove saranno prese le decisioni strategiche. Esordio allo stadio Olimpico delle unità dei reparti a cavallo della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri addestrate per la gestione dell’ordine pubblico. Si tratta di un nuovo modello organizzativo attuato per la prima volta a Roma sulla base delle direttive recentemente varate dal Dipartimento della P.S. Presenti al tavolo tecnico i responsabili del Comune e della Polizia Locale di Roma Capitale, con i quali sono stati condivisi i meccanismi di chiusura dell’area dello stadio Olimpico che saranno attuati solo in caso di stretta necessità e solo per il tempo necessario a rendere sicura l’eventuale presenza massiccia di persone. L’obbiettivo è quello di eliminare al massimo i disagi per i cittadini.

cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy