Lazio, dal mercato alla nuova formazione: Ave Cesare

Lazio, dal mercato alla nuova formazione: Ave Cesare

Due anni di contratto a 1,8 milioni a stagione, ieri venivano preparate dal segretario Calveri le carte del biennale. Fra oggi e domani dovrebbe arrivare la firma, salvo colpi di scena

RASSEGNA STAMPA

LONDON, ENGLAND - SEPTEMBER 30: Coach Cesare Prandelli of Galatasaray talks to the media ahead of a Galatasaray training session ahead of their UEFA Champions League Group D match against Arsenal at Emirates Stadium on September 30, 2014 in London, United Kingdom. (Photo by Paul Gilham/Getty Images)

ROMA – Ave Cesare, a te la Lazio. E’ moralizzato, Prandelli, chissà se a Formello porterà il suo codice etico. Un boomerang – scrive Il Messaggero – alla fine della sua esperienza in Nazionale, ma a Formello dovrà funzionare. Per tenere a bada uno spogliatoio di fuoco, troppo spesso incendiatosi nell’ultima stagione. Eliminare personalismi e gelosie. Con Inzaghi c’era il timore di un’autogestione, l’ex Ct sarà aiutato dalla Lazio nell’epurazione delle schegge. Nell’incontro di lunedì pomeriggio, avvenuto in una stanza e non a Villa San Sebastiano, fatte precise promesse. Prandelli sa, per esempio, che non potrà ripartire da Candreva e forse nemmeno da Keita. Invece Lotito farà di tutto (con tre milioni, bonus compresi, a stagione) per dargli la regia di Biglia in questa sua nuova pellicola biancoceleste. Due anni di contratto a 1,8 milioni a stagione, ieri venivano preparate dal segretario Calveri le carte del biennale. Fra oggi e domani dovrebbe arrivare la firma, salvo colpi di scena. Prandelli lunedì sera era tornato a Firenze, dopo il vertice al quale si era aggiunto anche il ds Tare in un secondo momento. Pure un modo per confrontarsi sulle strategie di mercato già portate avanti sinora. Intanto, sopra la panca, Prandelli canta ai laziali: «Speriamo di vederci presto». Ma come sarà in campo la Lazio di Prandelli? CONTINUA A LEGGERE

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy