Allegri e Inzaghi, la Supercoppia

Allegri e Inzaghi, la Supercoppia

Simoncino deve far abbandonare ai suoi la sindrome di eterni secondi

ROMA – In fondo giovani a confronto. Inzaghi e Allegri, due eccellenze italiane. Come mette in evidenza Il Messaggero, i due sono allenatori sulla cresta dell’onda, anche se per motivi differenti. Il tecnico della Lazio, dopo aver stupito tutti la scorsa stagione, è alla ricerca del suo primo trofeo per consacrarsi. Il collega toscano, invece, ha avuto il merito di riportare la tranquillità in casa Juve dopo l’addio di Conte e (ri)portarla nell’élite d’Europa. Entrambi ex calciatori, entrambi meticolosi in panchina, ma domani uno solo potrà festeggiare.

VITTORIA

Come sottolinea La Gazzetta dello Sport, domenica sarà la sesta finale negli ultimi dieci anni per la Lazio. Il bilancio, però, è negativo: l’unico successo è arrivato in quello storico 26 maggio, poi solo sconfitte. Tutte col medesimo avversario: la Juventus, che ormai è diventata un autentico tabù. In campionato non la si batte da 14 anni, più in generale da 4 anni e mezzo (semifinale di Coppa Italia 2013). Ma in una finale tutto si può stravolgere e l’ultima volta che la Lazio ha battuto la Vecchia Signora in una finale era il 2004 e c’era anche Simone Inzaghi in campo. Ora spetta a lui spiegare ai suoi ragazzi come si vince: CONTINUA A LEGGERE

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy