Bollini: “Lotito presidente della Lega B? Ha grandi capacità”

Bollini: “Lotito presidente della Lega B? Ha grandi capacità”

L’allenatore della Salernitana parla di Lotito e del suo percorso da allenatore

ROMA – Ha incontrato qualche difficoltà, ma Alberto Bollini è riuscito a risollevare le sorti della Salernitana. Sei risultati utili i fila (quattro vittorie e due pareggi) hanno allontanato i granata dalla zona calda della classifica, avvicinandoli a quella valida per i play-off. Il tecnico di Poggio Rusco, approdato in Campania a dicembre, ha parlato tra passato, presente e futuro su Telecore: “È un campionato particolarmente difficile. Prima non ne ho mai parlato, ma alla riunione con società e dirigenza mi fu detto che era importante fare meglio dell’anno scorso. Ora però guardiamo più davanti che dietro”. Per pensare alla prossima stagione c’è tempo: “Finisce il campionato e vado a Riccione, poi ci aggiorneremo. Non ho bisogno di proclami. Salerno è una piazza stupenda ma c’è una società e abbiamo un accordo personale, quando finirà il campionato farò una chiacchierata a 360 gradi con Lotito“. Poi su un’eventuale candidatura del patron della Lazio alla presidenza della Lega B: Lotito ha grandi capacità, se ha deciso di fare questa scelta è perché sa di poterci arrivare“.

I RETROSCENA – Nel febbraio del 2015 per Bollini, che era responsabile del settore giovanile della Lazio, arriva la prima esperienza da allenatore con il Lecce: “Era una piazza molto calorosa ed esigente. Lotito voleva tenermi alla Lazio per la stima nei miei confronti ma anche perché temeva che il Lecce potesse ostacolare la Salernitana (erano in Lega Pro nello stesso girone, ndr)”. Dopo Lecce, l’Atalanta come vice: “A Bergamo non sarei mai andato senza Reja”. In estate il ritorno nella Capitale sempre per coordinare le giovanili biancoceleste. Poi, pochi mesi dopo, il cambio di programma: Arriva una telefonata di Lotito, alle 23.30. Fu un sondaggio, ma avevo capito che stava succedendo qualcosa. Poi fino alle 2 di notte fu un tam tam di chiamate, ci siamo incontrati a Roma e lì è nata l’avventura. Avevo voglia di intraprendere questo percorso”. Mentre il mercato biancoceleste si accende: CONTINUA A LEGGERE

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy