Immobile o Belotti? Il popolo alza la cresta, ma in campo vince sempre Ciro…

Immobile o Belotti? Il popolo alza la cresta, ma in campo vince sempre Ciro…

Domani sera i due attaccanti della Nazionale saranno di nuovo faccia a faccia

Di Lorenzo Manelfi

ROMA – Amici nella vita, rivali domani sera in campo. Immobile e Belotti sono pronti a darsi di nuovo battaglia a suon di gol all’Olimpico di Roma, dove la Lazio affronterà il Torino. Prima del match di andata si erano scambiati complimenti a vicenda: “Sarebbe bellissimo giocare in azzurro con Ciro. Siamo cresciuti insieme, siamo grandi amici e ritrovarsi fianco a fianco anche con la maglia della Nazionale sarebbe una gioia indescrivibile”, aveva affermato il bergamasco a Sky Sport. Messaggi d’affetto ricambiati da Ciro a Tiki Taka: “Belotti? Siamo amici e siamo in contatto, è un bravissimo ragazzo e merita il meglio”. Dopo cinque mesi nulla è cambiato, anzi. Il legame tra i due – nonostante la distanza – si è rafforzato, come conferma la foto pubblicata su Instagram dal “Gallo”, che lo ritrae insieme al biancoceleste con la didascalia “Ci si vede lunedì amico”. Pronta la risposta nei commenti dell’amico biancoceleste: “Ti aspetto amico mio”. 16 gol il laziale, 22 il granata. 38 gol insieme, e a sorridere è il Ct Ventura, pronto a puntare su di loro. Numeri che infatti fanno ben sperare in vista del mondiale in Russia, considerando che momentaneamente sono la coppia-gol più forte in Europa.

IMMOBILE O BELOTTI? – Chi dei due è più forte? Il popolo sembra aver deciso. E’ il “Gallo” a vincere la sfida tra i due attaccanti della Nazionale italiana. Vecchie glorie, calciatori di oggi, allenatori e giornalisti non hanno dubbi. Entrambi hanno il senso del gol, ma l’attaccante granata viene preferito per forza fisica e cattiveria, anche se quest’ultima non manca certo al napoletano. 27 anni per l’attaccante della Lazio, 23 per il bomber bergamasco. Vista anche l’età, Immobile ha alle spalle una carriera migliore del compagno di reparto. Capocannoniere in Serie B e in Serie A, 4 gol e 10 presenze in Champions League. 101 gol tra squadre di club e Nazionale. Dopo due anni complicati, la rinascita a Roma sotto la guida di Inzaghi. Belotti però quest’anno è esploso definitivamente. 22 gol in campionato, come Immobile quando si laureò capocannoniere, ma con 11 partite ancora da giocare. Non solo l’Italia, ma gli occhi del mondo sono puntati su mister clausola da 100 milioni di euro.

MA IN CAMPO…VINCE SEMPRE CIRO – Le chiacchiere però nel calcio non contano, servono i fatti. E il campo ha emesso la sentenza: quando si affrontano vince sempre Ciro. Tre gli incontri disputati, due in Serie B e una nella massima categoria. L’attaccante di Torre Annunziata ha sempre segnato, mentre il lombardo è a secco. Il Pescara di Zeman sconfisse l’Albinoleffe 5-3 nel girone di andata (quinto gol firmato Immobile), pareggiando invece nella seconda parte di campionato. All’Atleti Azzurri d’Italia finì 1-1, inutile dire il marcatore per il Delfino, che quell’anno siglò 28 reti. Ultimo match datato 23 Ottobre 2016, quando la Lazio sfiorò l’impresa di uscire con i tre punti dall’Olimpico di Torino. Pareggio del momentaneo uno pari firmato Immobile, che non esultò per rispetto dei suoi ex tifosi. Insomma, quando Ciro affronta Belotti segna sempre, e il “Gallo” abbassa la cresta. Statistica che fa ben sperare i laziali in vista di domani, in un match importantissimo valido per l’Europa. Anche Mihajlovic ha fatto la sua scelta >>> CONTINUA A LEGGERE

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy