Inzaghi, fiuto da bomber. Immobile lo ringrazia: “Mi tratta come un figlio”

Inzaghi, fiuto da bomber. Immobile lo ringrazia: “Mi tratta come un figlio”

L’ex attaccante, ora allenatore biancoceleste, lo ha voluto a tutti i costi alla Lazio. I tifosi adesso sognano per il tandem con Keita, paragonato a Rocchi-Pandev se non addirittura a Giordano-D’amico

ROMA – L’essenza di chiamarsi bomber: puoi finire in panchina ma, il gol, lo fiuti per sempre. A 1656 chilometri da Siviglia, bomber Inzaghi ha annusato il profumo d’Immobile: «Non m’importa di Valencia, scelgo lui». Adesso tutti a incensare Ciro Nazionale, ma se non c’avesse pensato Simoncino, nessuno lo avrebbe riportato in Italia: “Ora volo, è fantastico. Devo proprio ringraziare la Lazioper la fiducia e per la possibilità che mi ha dato portandomi a Roma. Inzaghi mi ha subito coccolato come un figlio, mi sento importante”, le parole riportate dal Corriere dello Sport. La data di nascita doveva essere un indizio: 20 febbraio 1990, quattro mesi prima di quei maledetti rigori contro l’Argentina al San Paolo. Offerto alla Fiorentina, al Milan, al Napoli, niente. Nessuno scommetteva sul ritorno d’Immobile, l’attaccante che visse tre volte. Bielsa non lo voleva, Lotito e Tare addirittura titubavano da aprile, Inzaghi senza dubbi su questo bello guaglione. Che ora, a suon di gol, spalanca un portone. Ciro fratello d’Italia, ma figlio d’oro della Lazio. Tifosi biancocelesti in delirio per la doppietta (mancava alla Nazionale da due anni) con la maglia azzurra. E sono tre in questa sosta, dopo i due gol biancocelesti di Udine: 5 centri in una settimana. In Serie A, solo Higuain (8) ha segnato più d’Immobile (7) tra club e selezioni in un mese e mezzo. Con una differenza di 84 milioni sul mercato. Sì, perché Ciro è costato alla Lazio appena 10 milioni. Anzi, 2 subito e altri 8 a giugno al Siviglia: «Non c’è nessun prestito, è solo una questione di rate – giura l’agente Sommella – e quindi Immobile è un attaccante della Lazio a tutti gli effetti». Giù i berretti.

ESAGERATO – Cecchino, ormai del gol un surdato. E ora pure laziale nnammurato. Spara di testa, al volo, in diagonale. Segna in tutte le maniere, ma non è mai banale. Papà Antonio lo festeggia a Torre Annunziata, Jessica (sposata prima del mondiale in Brasile) al JC Lovers, il loro nuovo locale glamour a Milano. Ieri una breve vacanza a Parigi con lei e le figlie Giorgia e Michela. Stesso nome della madre, di cui ha il bacio tatuato. Oggi lo riabbraccerà invece Inzaghi, alla ricerca della sua vena realizzava anche all’Olimpico, in vista del Bologna. Tre (uno meno d’Icardi) dei quattro centri biancocelesti, Ciro li ha siglati in trasferta. Forse perché lui a dispetto del cognome, Immobile non ci sa proprio stare. Eppure, dopo aver girato mezz’Italia ed Europa, dopo Pescara, Genova, Torino, Dortmund e Siviglia, a Roma ora si sente a casa. Dolce casa: «Finalmente ha trovato alloggio a Ponte Milvio – sorride il procuratore – e quindi ora potrà pensare solo a fare gol. Superare i venti come ai tempi del Torino? Tutto è possibile, i conti si faranno alla fine. Ma non vedevo da tempo Ciro così motivato, sputerà sangue per la maglia biancoceleste». Da ora sino alla fine. Immobile-dream, non vende sogni, ma solidi gol.

TANDEM – Ciro, Ciro di tutto l’anno. Rischia invece di fermarsi a metà, Keita. Ma ora i laziali non hanno certo voglia di svegliarsi di fronte a questa coppia delle meraviglie. Al momento, a livello di numeri scrive Ilmessaggero, persino meglio di Higuain-Dybala: finora tra Lazio e Nazionali, 11 gol e 5 assist. C’è chi a Roma già li paragona a Rocchi-Pandev, chi si sbilancia con Giordano-D’Amico. Bomber Inzaghi difficilmente troverà somiglianze, a livello di caratteristiche, col suo tandem scudetto con Salas. E pensare che a Napoli, la città natia d’Immobile, dove lui sarebbe voluto tornare, ora pensano a Klose. Alla Lazio al posto di Miro (coi suoi 2,5 milioni di stipendio), c’è altro ciuffo biondissimo. Il grande Ciro. Scurdammoce ‘o passato, c’è un grande futuro. Ei fu, siccome Immobile: CONTINUA A LEGGERE

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy