Felipe si allena e spara sul futuro… Occhio al Chelsea

Felipe si allena e spara sul futuro… Occhio al Chelsea

L’agente Bertolucci vuole portarlo dove già aveva trascinato Pato, Ramires, Oscar e David Luiz della sua scuderia…

ROMA – Prende la mira, Felipe vuole segnare. Cappellino, fucile ed occhiali. C’è un nuovo Andershow lontano da occhi troppo indiscreti. Il brasiliano, già entusiasta del paintball di Pioli, ritrova nel Softair l’istinto del killer. Domenica, subito dopo Udine, era a Ponte Galeria in un centro specifico. Tuta mimetica, giubbotto antiproiettile, e zainetto. Con Wallace, il fratello e altri amici per un’esercitazione per migliorare le capacità fisiche e motorie, per aguzzare la mente. Forse è questo il segreto della sua rinascita psichica. Motivato, convinto, semplicemente Felipe: «Quest’anno sarà il migliore della mia carriera», giura. Perché crede nella Lazio: «E’ forte e non sono sorpreso di questa bella partenza, è il frutto del lavoro. E potevamo addirittura essere più in alto in classifica, se avessimo vinto qualche altra partita». Tempo al tempo. Magari al posto dell’Europa League arriverà un paradiso Champions: «Dobbiamo puntare sempre più in alto possibile. Se non sbaglieremo con qualche big, potremo raggiungere traguardi più importanti. Non siamo inferiori a nessuno e abbiamo giovani di grande qualità». A 23 anni, dopo 3 stagioni a Roma, Felipe sembra già un veterano.

FELIPE1

VOGLIA DI LIBERTA’ – Sempre sotto esame dopo l’addio di Candreva. Su Felipe non c’è più la sua ombra, ma questo crea maggiori pressioni: «Non ne sento il peso, anche quando c’era Antonio cercavo di dare il meglio – assicura però il brasiliano – e quindi per me non è cambiato nulla». Al massimo il ruolo nel 3-5-2: «Da trequartista mi sento il vero Felipe, ma sono contento pure quando gioco terzino sinistro. Anche perché sulla fascia Inzaghi mi dà comunque molto libertà di poter utilizzare il dribbling. Certo, lì devo aiutare di più i compagni». Sabato scorso, nel 4-3-3, Anderson riabilitava con un altro cioccolatino l’amico Keita: «E’ un grande giocatore come ce ne sono tanti qui, ma è bello giocare con lui». Sicuramente saranno ancora insieme almeno sino al 4 dicembre, giorno del derby: «Ho già segnato contro la Roma, ma sempre perso. Per noi e per i tifosi vale più di 3 punti, quando vincerò sarà un giorno speciale».

FELIPE3

PASSATO E FUTURO – Ha ancora l’oro in bocca, Felipe: «Dopo le Olimpiadi, sono tornato, ho recuperato e mi sento in grande forma». Adesso è alla ricerca della continuità: «Tutti i giocatori hanno dei momenti bui». In pochi lo sanno, ma Anderson ha dovuto gestire due anni da incubo a livello familiare. Fra i problemi del padre (ora ai domiciliari per omicidio) e del fratello Julianderson (che vive a Roma con lui) ha speso oltre un milione di euro. Meno male che aveva rinnovato con la Lazio… «Per tanti anni perché a me piace tantissimo stare qui. Non sono arrivato qui per andare da un’altra parte, ma nel calcio non si sa mai. Ho tuttavia voglia di crescere, se sarà con la Lazio meglio». L’incognita – scrive Il Messaggero – resta perché Bertolucci, che ha ricevuto la procura ad aprile dalla sorella Juliana, sta lavorando già per un futuro lontano dalla capitale nei prossimi anni. In particolar modo al Chelsea, dove già aveva trascinato Pato, Ramires, Oscar e David Luiz della sua scuderia. E intanto scoppia un doppio scandalo sessuale: CONTINUA A LEGGERE

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy