• TUTTO SUL MERCATO DELLA LAZIO: DOVE? SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

Immobile-Correa sono la coppia più bella del mondo

Immobile-Correa sono la coppia più bella del mondo

Record di gol nei primi cinque campionati europei, meglio di Lewandowski e Gnabry

di redazionecittaceleste

ROMA – Siamo la coppia più bella del mondo e ci dispiace per gli altri. Niente di meno che Lewandowski e Gnabry, Aguero e Sterling. Tre gol insieme contro il Lecce, Immobile e Correa sono il miglior tandem dei primi 5 campionati europei. Salgono a quota 20 reti, sono davanti ai tedeschi del Bayer (a quota 18), ai fenomeni del City (16) e a Dembele e Depay.

Ora anche Correa contribuisce davvero a questi numeri strepitosi. Prima doppietta in biancoceleste per l’argentino, autore di cinque gol negli ultimi 5 incontri. Gli si rimproverava la scarsa vena sotto porta, adesso s’è gonfiata. E’ anche merito di Joaquin questa cavalcata sino al terzo posto in classifica. Ha segnato con l’Atalanta, il Torino, è stato decisivo a San Siro e ieri contro il Lecce all’Olimpico. Con un doppio Tucu da bomber ha già superato se stesso (6 gol) alla fine dello scorso campionato: il primo timbro, stop e tiro incrociato, tra Rossettini e Calderoni, un siluro. Quindi nel secondo tempo il tiro potente all’incrocio. Immobile gli ha messo la palla sul mancino, lui ha ringraziato e non ha fallito.
CAPOCANNONIERE
Cosa si può dire ancora di Ciro? Premiato a inizio gara dalla Lega come miglior giocatore d’ottobre, non cambia il risultato a novembre. Immobile continua a segnare. Ecco il quattordicesimo gol in Serie A, stavolta su rigore, il napoletano è sempre più capocannoniere. E’ stanco, distrutto, eppure fa centro senza nemmeno faticare. Adesso è a un solo gol da Rocchi, terzo marcatore della storia biancoceleste. Finisce nel tabellino per la decima volta consecutiva nelle ultime 12 gare. Immobile è addirittura il secondo assistman (5 dietro Luis Alberto a 7) laziale: «Siamo stati bravi, non era semplice battere il Lecce. Il campionato si sta facendo più duro, e oggi gli avversari l’hanno dimostrato. Poi, dopo l’Europa League, c’era anche un po’ di stanchezza e rammarico. Ai nostri tifosi lasciamo sempre qualche piccolo brivido con qualche sbandamento, dobbiamo crescere soprattutto in quello». Di certo non può fare più di così, Ciro: «Non conta superare il mio record di 41 gol, l’importante è che vinca tutte le partite la Lazio. Metto la squadra davanti a me stesso». Ora la Nazionale davanti al ballottaggio: «Ben venga la concorrenza con Belotti, per me è un amico ed è uno stimolo positivo. Chi sta meglio giocherà all’Europeo».

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy