La rivincita di Strakosha dopo le critiche e l’Albania

Il portiere ha salvato la Lazio almeno tre volte contro gli orobici dalla debacle definitiva

di redazionecittaceleste


ROMA – Inzaghi rimonta un match folle, che sembrava perso sino al sessantanovesimo, anche e sopratutto grazie a un uomo spesso troppo criticato. Come a Bologna, è Stakosha a tenere in gioco sino all’ultimo la Lazio. Per più di un’ora c’è un tiro al bersaglio, lui è incolpevole su ogni gol preso. Anzi, sin da subito è Thomas a evitare il peggio. Salva su Pasalic col piede su un tiro da un metro, è strepitoso d’istinto su una punizione di Marinovskyi in volo. E’ decisivo in assoluto nel finale su Gomez: sarebbe senz’altro finita 4 a 2 per l’Atalanta se il portiere non fosse rimasto in piedi sullo scavetto dell’argentino. Strakosha para quasi di petto e può mostrarlo fiero, visto che poco dopo Immobile trova col secondo rigore il pareggio. E pensare che per il portiere si temeva il contraccolpo psicologico, nella penultima gara con la sua Nazionale una sua uscita sciagurata al 90′ aveva costretto l’Albania a dire definitivamente addio al prossimo Europeo. Thomas fuori dai pali e coi piedi rimane pericolo, ma in porta dimostra ancora d’essere un valore aggiunto. In ogni rimonta biancoceleste c’è almeno un pezzo del suo guanto.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Red - 1 anno fa

    Strakosha è fortissimo tra i pali, ma sulle uscite fa venire i brividi…era così impossibile prendere un portiere d’esperienza (Perin per dirne uno) o far rimanere qualcun’altro (Marchetti per dire un’altro) da affiancargli per farlo crescere ulteriormente?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy