• TUTTO SUL MERCATO DELLA LAZIO: DOVE? SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

Lazio, la fiducia fa la forza

Lazio, la fiducia fa la forza

Il motivatore Inzaghi è riuscito a coinvolgere tutte le riserve, adesso sono tutti utili alla causa

di redazionecittaceleste

ROMA – La fiducia sconfigge la paura e fa la differenza. Lo sa bene Inzaghi, che è stato prima giocatore, e sfrutta da tecnico questa conoscenza. S’affida sempre ai big e alla vecchia guardia, ma non dimentica di far sentire importante chi parte dalla panchina. Può tornare utile, anzi vitale all’occorrenza. Così Patric pian piano scala ogni gerarchia, diventa portafortuna (18 punti su 18 con lui in campo) e supera i suoi limiti in difesa. Così Caicedo si dimentica del dolore alla caviglia, entra e in dodici minuti risolve una partita. E il furbo Simone ribadisce a fine gara: «Se non avesse avuto quel problema, avrebbe giocato titolare a Reggio Emilia». Suona come una bugia, lo dimostrano le 10 partite (su 13) fuori dell’ecuadoregno in Serie A. Perché Inzaghi non rinuncia mai dall’inizio a Correa. Eppure è buona e giusta questa tattica, anche se sinora non ha funzionato in Europa. L’allenatore credeva di poter riuscire a superare il girone con le motivazioni delle seconde linee, invece adesso si ritrova con un piede fuori, nonostante l’incertezza della matematica. In ogni caso non cambierà domani la strategia: avanti con chi ha giocato meno contro il Cluj e poi si vedrà. I conti definitivi si faranno dopo questo turno, contro il Rennes (unica squadra sinora battuta) all’ultima giornata.
RILANCIO
Scacciate ogni retropensiero dalla testa, Inzaghi non voleva uscire dall’Europa. Nelle ultime annate aveva usato, bene o male, la stessa gestione ponderata. Solo dopo la qualificazione, aveva ridotto il turnover e s’era affidato ai senatori della squadra. Tra l’altro contro il Celtic non ha comunque funzionato, forse anche per colpa degli acciacchi, un parziale cambio di strategia. Ecco perché domani il mister cercherà di rimotivare gli elementi meno utilizzati della rosa. Vanno recuperati Bastos e Vavro in difesa, Parolo, Berisha e Cataldi in mediana, Jony sulla fascia. Chissà se prima o poi ci sarà pure spazio per il baby Adekanye dall’inizio di una sfida. Questa potrebbe essere persino la volta buona. Anche perché, a questo punto, il destino della Lazio non dipende più solo dalla propria bravura.
GESTIONE
Partirà per la quinta volta da titolare, Caicedo, in Europa. Dopo il gol vittoria a Reggio Emilia, Felipao ieri era al settimo cielo all’Istituto Città dei Bambini di Mentana: «Ho realizzato il mio sogno di giocare in Serie A, ringrazio tutti i tifosi che mi stimolano e trasmettono forza». Domani potrebbe finalmente esserci pure l’esordio stagionale di Proto in porta al posto di Strakosha: «Ho giocato in Champions e spero che la Lazio ci torni presto. Io sono sempre pronto per giocare». Nessuna parola fuori posto da parte delle riserve, qui sta la bravura dell’allenatore. Riuscire a coinvolgere e a farsi rispettare da ogni giocatore. Inzaghi c’è sempre riuscito nella sua gestione: ora ha pure alzato il rigore, basti ricordare il caso del leader Immobile.

Così si unisce un gruppo per la causa e la fiducia si conquista goccia a goccia. Con la maglia sudata stavolta in Europa, basta pioggia.

<a href=”http://bit.ly/Cittacelestesito”> <img class=”aligncenter” src=”http://cittaceleste.tv/appoggiotv/lazio.gif” /></a>

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy