Lazio, rischio d’impresa: può centrare la Champions la stessa squadra?

Il mercato ha regalato solo innesti sulle fasce con Jony e Lazzari, la panchina non è all’altezza dei titolari

di redazionecittaceleste

ROMA – Nessuno scossone, nessuna rivoluzione. Avanti con lo stesso progetto, solo con più convinzione. Per centrare la Champions alla fine Inzaghi s’è persuaso di riuscire a farcela con in mano quasi la stessa Lazio. Lui lo considera comunque un nuovo inizio, anche perché aveva pensato davvero di lasciare tutto a fine maggio. Invece Lotito lo ha convinto sul piano economico e l’amico Tare con un preciso disegno tecnico.

Si sognava un colpo dietro l’altro, invece la società ha proseguito la politica dell’innesto mirato. Rimane un po’ d’amaro in bocca per un mercato stitico, ma Inzaghi sembra comunque contento. Per carità, avrebbe voluto un’altra punta per possedere più alternative e ricambi in attacco, ma alla fine esulta per aver trattenuto Caicedo (forse già questa settimana col rinnovo insieme a Correa) e sopratutto il fenomeno Milinkovic in questo gruppo. Simone è il primo a considerarlo un nuovo acquisto (anche sul piano aereo), dal momento che aveva ottenuto la garanzia da Lotito di trattenere sì Luis Alberto, ma non Sergej a giugno. Invece insieme al serbo la Lazio è partita stramotivata in questo campionato, anche se molti tifosi si chiedono: perché la stessa squadra dovrebbe arrivare stavolta oltre l’ottavo posto? Per carità, nelle ultime giornate i biancocelesti avevano mollato, ma già l’obiettivo Champions era sfumato dopo la folle debacle col Chievo. Sembra l’eterno ritorno. La Lazio preferisce rischiare, punta tutto su un ottimo 11 titolare. Eppure la stagione potrebbe sempre essere compromessa da un qualunque infortunio. Ha invocato un po’ di fortuna e così lo ha ammesso anche Tare. Si è preferito privilegiare l’aspetto gestionale, per il club per esempio i sogni top Mandzukic e Llorente avrebbero minato la serenità sotto porta d’Immobile. Forse per questo stavolta Inzaghi sorride e non sembra preoccupato. Come successo l’anno con Acerbi, su Lazzari è stato accontentato, su tutto il resto si è fidato. Vavro al posto di Wallace in difesa, Adekanye per Neto come baby di prospettiva, Jony al posto di Durmisi come alter ego di Lulic sulla fascia sinistra.

Nel frattempo, per tutti i fanta-allenatori lettori di Cittaceleste.it, è pronta un’esperienza pazzesca… con in palio un montepremi complessivo da 250mila euro e… un JAGUAR F-PACE! >>> SCOPRI DI PIU’

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy