Tamponi Lazio, sequestrati e riprocessati pure 7 test della Merigen

Si tratta del laboratorio di Napoli a cui Futura Diagnostica si era affidata per avere riscontri sui propri esiti

di redazionecittaceleste

ROMA – Era passato inosservato, ma il coordinatore di Futura Diagnostica Taccone aveva fatto sapere fra le righe che i suoi famosi test del 6 novembre (con risultati differenti rispetto a quelli della Synlab e del Campus Biomedico di Roma) erano stati fatti analizzare, per loro volontà, anche da un altro laboratorio di Napoli: precisamente la Merigen aveva dato gli stessi esiti (tutti negativi, tranne quattro dello staff e Immobile lievemente positivo al gene N) dello studio d’Avellino legato alla Lazio. Ebbene anche quei 7 test della Merigen sono stati sequestrati dalla Procura irpina. Gli stessi verrano riprocessati ora dal perito di parte, Maria Nandi, all’ospedale Moscati. Ora proprio verso Napoli si muove l’indagine della Procura di Avellino. Gli inquirenti vogliono verificare la procedura con la quale sono stati processati i tamponi, l’iter scientifico seguito e la presenza di eventuali discrepanze. Un altro aspetto importante per l’indagine potrebbe arrivare dalle dichiarazioni dei testimoni ascoltati da Procura e finanza. Al momento gli investigatori mantengono, comprensibilmente, il massimo riservo.

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy