• SEGUI LA LAZIO IN DIRETTA: ACCENDI IL CANALE 85 DELLA TUA TV!

Parla Lotito: “Gli agenti mi minacciavano, ecco come è andata. La Lazio? Quest’anno chiuderemo con 30 milioni di utile…”

di redazionecittaceleste
lotito-lazio

 

ROMA – Parlando al quotidiano “Il Foglio”, Lotito è un fiume in piena.  “Ho preso la Lazio nel 2004 che aveva 85,6 milioni di perdite annue e 550 di debiti… E quest’anno chiuderemo con 30 milioni di utile. Avere il consenso è facile, basta assecondare i desideri della gente, ma così non cambi nulla. Contrastare certe consuetudini, sfidare le disfunzioni fa bene. Ora la Lazio è una società stabile, sta in piedi di sola. Nel 2004 avrei potuto coprire il debito da 550 milioni, ma sarebbe stato solo un salvataggio temporaneo”.  Sullo stato di Roma Capitale: “Roma non ha bisogno di un politico ma di un buon amministratore. Uno che faccia parlare di sé attraverso i fatti”.  Poi parla dei tifosi: “Facevano lo sciopero e lo stadio era vuoto. Ai tifosi ho detto ‘siete i benvenuti, avete una funzione importantissima ma non potete essere un potere, determinate sulla società. L’estorsione è un fatto vigliacco, non si può usare la pressione mediatica per vantaggi personali. Gli agenti? Mi minacciavano dicendo che non avrebbero fatto giocare i loro assistiti, pretendevano loro di scegliere dove mandare i calciatori, e a che prezzo. Gli ho fatto una guerra alla morte”. Poi ancora una parola sul crac della Lazio: “Certo che si può ricominciare, ma serve competenza. Nessuno ricorda l’oracolo di Delfi ‘Conosci te stesso’. Il fatto è che nessuno si chiede ‘Io cosa so fare?’…Tutti si improvvisano, e i risultati su questi”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy