• LE ULTIME NOTIZIE SULLA LAZIO? TUTTO IN DIRETTA SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

Lotito pronto a mandare la Lazio in ritiro, ma dipende dal Governo

Lotito pronto a mandare la Lazio in ritiro, ma dipende dal Governo

Ha già comunicato alla squadra la ripresa degli allenamenti dalla prossima settimana

di redazionecittaceleste

ROMA – La battaglia continua. Non s’arrende, Lotito, è pronto a sfidare il ministro Spadafora. A mandare in ritiro la sua Lazio già la prossima settimana. Lo ha già comunicato alla squadra, i giocatori hanno accettato purché vengano fatti prima a tutti i tamponi (rimane il giallo su quello a cui sarebbe già stato sottoposto Immobile) e venga garantita a Formello la massima sicurezza. La ripresa degli allenamenti al momento è ancora consentita, solo un nuovo decreto governativo può stopparla. Lotito forza la mano perché vuole a tutti i costi che la Seria A riparta. Non è solo un discorso legato allo scudetto, ma soprattutto alla sopravvivenza economica. Non a caso nel comunicato relativo all’ultimo bilancio biancoceleste, approvato al 31 dicembre 2019, introduce un paragrafo con valutazioni legate al Coronavirus e all’emergenza: «Come noto, a partire dal mese di gennaio 2020, lo scenario nazionale e internazionale è stato caratterizzato dalla virulenza di una pandemia derivante dalla diffusione del virus “Covid 19” e dalle conseguenti misure restrittive per il suo contenimento, poste in essere da parte delle autorità pubbliche dei paesi interessati e nello specifico dal Governo Italiano. Il Consiglio Federale della FIGC, tenutosi in data 9 marzo 2020, ha decretato la sospensione delle competizioni sportive calcistiche sino al 3 aprile 2020. Tale situazione non permette di conoscere le reali conseguenze di carattere patrimoniale ed economico sulla seconda parte della stagione sportiva. In particolare, nel caso in cui il Campionato dovesse riprendere e terminare regolarmente, dato anche lo slittamento dei campionati europei ed in considerazione della data di fine stagione dei contratti riferiti ai calciatori, non si dovrebbero avere significativi impatti sui proventi dell’esercizio. Tale orientamento è considerato dai Consiglieri di Gestione probabile anche in considerazione di quanto anticipato dal presidente della UEFA che ha dichiarato che la conclusione dei campionati nazionali deve avere la precedenza rispetto alle competizioni europee e che le opzioni ad oggi immaginabili sono la ripresa dei campionati nazionali a metà maggio, inizio giugno e fine giugno».

>>> LEGGI TUTTE LE ALTRE NOTIZIE SULLA S.S.LAZIO! <<<

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy