Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

nazionale

Una brutta Italia non va oltre il pareggio, la Svizzera vince: saranno playoff

Irlanda-del-Nord-Italia

La Svizzera fa il suo e vince 3-0 contro la Bulgaria, l'Italia è invece troppo confusionaria e spaventata: saranno palyoff

redazionecittaceleste

Dalla gioia e dall’ebbrezza del trionfo all’Europeo, il buio dei playoff. L’Italia non riesce a staccare il pass per il Qatar. Dovrà passare per gli spareggi come quattro anni fa, nella speranza di poter cambiare ovviamente l’esito. A Belfast finisce 0-0: i padroni di casa si difendono bene, gli Azzurri creano poco. Intanto, a Lucerna, la Svizzera supera 4-0 la Bulgaria ma prova in tutti i modi ad aiutare i ragazzi di Mancini. Prima di quello del momentaneo 3-0, infatti, sono due i goal annullati agli elvetici. Le notizie di Lucerna, però, scoraggiano e spaventano gli Azzurri che si spengono senza mai lasciare il segno.

 Roberto Mancini

La partita

L’Italia parte forte, spingendo e stazionando costantemente nella metà campo avversaria, ma senza riuscire mai a essere davvero pericolosa. E questa è più o meno la trama dell’intera prima frazione di gioco: troppo poco per una squadra che si sta giocando l’accesso al Mondiale. Nel secondo tempo la risposta che ci si aspetta arriva da Donnarumma, con un gran salvataggio a quattro minuti dall’inizio del secondo tempo. Con il passare dei minuti, però, l’ansia e le notizie da Lucerna prendono il sopravvento. Dopo i due goal annullati, il 3-0 svizzero a circa quindici minuti dalla fine condanna gli Azzurri che non riescono a incidere nemmeno in un confusionario assalto finale.

Cosa succede ora

A quattro anni di distanza, sarà ancora una volta playoff per l’Italia. Non è la Nazionale di Ventura, questo è vero, ma non saranno nemmeno i playoff di quattro anni fa. È cambiato infatti il format: dodici squadre partecipanti divise in tre raggruppamenti che prevedono semifinale e finale, solo andata e nessun ritorno. Il sorteggio è previsto per il 26 novembre alle 17, insieme all’Italia vi prenderanno parte Austria, o Galles o Repubblica Ceca, Portogallo, Svezia, una tra Finlandia e Ucraina, Scozia, una tra Olanda, Norvegia e Montenegro, Russia, Polonia e Macedonia del Nord. Le sfide sono previste a fine marzo, con la speranza che questa volta possa cambiare l’esito.