Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Lazio, Olympia continuerà a spiccare il suo volo allo stadio Olimpico

Lazio, Olympia continuerà a spiccare il suo volo allo stadio Olimpico

L'aquila continuerà il tradizionale spettacolo nel prepartita con un altro falconiere che già in passato si era occupato del rapace

redazionecittaceleste

Con un tempestivo comunicato ufficiale la Lazio ha preso le distanze dal falconiere Juan Bernabè, resosi protagonista del saluto romano al termine di Lazio-Inter. L’addestratore dell’aquila Olympia è stato sospeso, in attesa dei tempi burocratici per sancire il definitivo divorzio. Il video ha fatto il giro del mondo, arrecando un danno enorme all’immagine del club biancoceleste che ha subito preso le distanze con una nota ufficiale che non lascia margini di interpretazione. In ogni modo, Olympia continuerà a volare, anche senza il suo addestratore. C’è infatti un altro falconiere che già in passato ha avuto modo di guidare il volo dell’aquila reale tanto cara ai tifosi laziali.

Il maestoso volo della Bald Eagle biancoceleste continuerà ad accompagnare le giornate dei sostenitori della Lazio. Sono già dodici anni che lo spettacolare volo di Olympia apre le giornate calcistiche della Lazio. La prima volta accadde il 22 settembre del 2010, in occasione della partita casalinga contro il Milan. Fu un’idea innovativa, che piacque immediatamente al popolo laziale, e in particolare modo ai bambini. Ormai - a distanza di oltre un decennio - allo stadio tutti attendono che l’aquila reale spicchi il volo prima del calcio d’inizio della partita. E’ un evento, a metà strada tra uno spettacolo, un rito propiziatorio e un richiamo alle origini romane, laziali, imperiali.

Eppure non fu semplice trovare l’autorizzazione per regalareai tifosi laziali  il volo di Olympia all’interno dello stadio Olimpico. Non mancarono infatti le polemiche, né le istanze degli animalisti che avrebbero voluto impedire lo spettacolo per proteggere l’animale. Ma una volta dimostrata la natura non propriamente selvatica dell’animale - che era cresciuto in cattività - arrivò il definitivo via libera. Tranne che per il derby. Il vincolo iniziale, però, è stato cancellato nel corso degli anni, tanto che nelle ultime stracittadine, Olympia ha potuto sfoggiare il suo volo regale anche davanti agli antagonisti più acerrimi. Un derby iniziato con il volo dell’aquila, e concluso con Olympia sotto la curva Nord, a festeggiare l’ennesimo successo.