Derby, Graziani: “Fra Immobile e Dzeko un abisso”. Marione: “Fonseca va cacciato”

Lo sfogo di due addetti ai lavori di provata fede romanista

di redazionecittaceleste

Notizie Lazio

ROMA – Per il derby del 26 maggio non ci sarà mai rivincita, per quello di ieri non c’è appello. La Lazio ha annientato la Roma in tutti i reparti e persino gli addetti ai lavori di provata fede giallorossa non possono addurre alcuna scusa per giustificare la debacle della Roma. L’ex attaccante della Lupa Ciccio Graziani è intervenuto ai microfoni di Rete Sport per analizzare il risultato della stracittadina: “Non c’è stata partita, mai. Non si può affrontare un derby in questo modo, sembrava che la Roma stesse giocando un’amichevole ai Castelli. Ho visto chiaramente dei calciatori che avevano la testa altrove, solo un paio di elementi si sono salvati. La squadra è apparsa molle e senza mordente. Fonseca non ha commesso grossi errori, il derby è stato perso in campo, non in panchina. Chi ha giocato ha seguito male i dettami del tecnico. A volte Dzeko non lo capisco, non ci mette cattiveria, non riesce a vincere un contrasto. Il capitano dovrebbe dare un segnale forte ai compagni. Lui è statico, mi dispiace, ma la differenza con Immobile è abissale”.

Anche il noto radiocronista di fede romanista Marione ha commentato amaramente il 3 a 0 rifilato dalla Lazio alla sua squadra. Ecco le sue parole ai microfoni di Radio Centro Suono Sport: “Partita vergognosa, come già successo altre volte in questi ultimi anni. La Lazio è una squadra medio bassa, ma non c’è stato nulla di un vero e proprio derby. Fonseca faceva i complimenti ai biancocelesti dicendo che sono fortissimi, in campo nessuno ci mette voglia o verve. Dzeko non è più lui, forse è a fine carriera. Alla Roma serve un calciatore importante là davanti. Fonseca non vale una lira, va cacciato”.>>> Nel frattempo, parlando di Lazio, ci sono anche altre notizie importanti che stanno arrivando proprio in questi minuti <<<

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy