Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Lazio, le opinioni del giorno dopo: “Ecco di chi è la colpa”

Napoli-Lazio

I pareri di Mario Sconcerti, Alessio Tacchinardi e Massimo Brambati all'indomani della sconfitta dei biancocelesti al Maradona

redazionecittaceleste

Il risveglio all’indomani della brutta prestazione dei biancocelesti è se possibile ancora più amaro della tarda serata di ieri. Una Lazio troppo brutta, quella vista contro il Napoli, che conferma di avere ancora alcune gravi lacune nonostante alcuni passi avanti visti nell’ultimo periodo. Il dato che balza più rapidamente all’occhio è ovviamente quello relativo al rendimento in trasferta, a dir poco disastroso. Ma, soprattutto, è una certa mancanza di carattere che sembra doveroso rimproverare ai ragazzi di Sarri. Normale, allora, che la partita di ieri del Maradona sia uno degli argomenti di giornata. Andiamo allora a vedere i pareri arrivati nel pomeriggio di TMW Radio, durante Maracanà, delle diverse voci intervenute.

 Napoli-Lazio

Così il noto giornalista Mario Sconcerti: “Il mio pensiero è che tutti possano fare di più, ma penso che la Lazio abbia abusato troppo di se stessa. Si tratta di una squadra esausta. Pedro e Felipe Anderson non segnano, Luis Alberto è calato di rendimento diventando un giocatore normale. Cataldi rimane Cataldi, mentre Acerbi è poco agile. Si tratta di una squadra che perde pezzi, con quelli che ci sono che invece perdono smalto”.

Questo, invece, il parere dell’ex calciatore Alessio Tacchinardi: “Difficile dire se sia colpa di Sarri o dei giocatori. Per quanto riguarda il primo, la squadra sembra non riuscire a digerire quelle che sono le sue richieste. I secondi, infatti, non sembrano affatto in grado di incamerare i nuovi dettami tattici”. Questo, infine, il pensiero di Massimo Brambati, ex calciatore e oggi procuratore: “Sarri è un tecnico difficile come persona. Sembra faccia ‘a cazzotti’ con i suoi giocatori. Dopo quanto fatto a Napoli, non ho più visto squadre giocare a quel livello. Lo stesso discorso vale per la Lazio. Quando i biancocelesti hanno fatto risultato, hanno giocato molto più con lo stile di Inzaghi che con quello di Sarri”.