Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Lazio, Eriksson: “Inzaghi? Ventidue anni non si cancellano facilmente”

Eriksson e Inzaghi

L'ex Lazio, Sven Goran Eriksson, è tornato ad esprimere il proprio pensiero circa l'altro ex biancoceleste Simone Inzaghi

redazionecittaceleste

L'incontro tra la Lazio e i nerazzurri è da tempo circondato da un alone particolare. Sarà per il gemellaggio delle due tifoserie o per gli innumerevoli calciatori che i due club si sono scambiati, ma quando i capitolini e i meneghini si affrontano, il sapore è quello di una sfida classica del repertorio italiano. Domani, alle 18:00 presso lo Stadio Olimpico della Capitale, se possibile lo sarà ancora di più. Per la prima volta da allenatore rivale, infatti, mister Simone Inzaghi farà il suo ingresso in un campo che per più di vent'anni lo ha sostenuto e tifato. Aiutandolo a vincere i trofei ottenuti nel corso della propria carriera. Da attaccante prima e da tecnico poi.

 Simone Inzaghi

Parola a chi lo conosce

Insomma, il rapporto tra la gente laziale e l'allenatore piacentino non può interrompersi solo perché la scorsa estate ha deciso di iniziare una nuova avventura. Certo, non avrà divulgato la scelta nel migliore dei modi, ma resta pur sempre un professionista che ha dato tanto alla causa. Questo lo sa anche l'ex tecnico, Sven Goran Eriksson, il quale è recentemente tornato a dire la sua ai microfoni della Gazzetta dello Sport:

Il pensiero del mister

"Anche a me da commissario tecnico è capitato di sfidare la Svezia da avversario. Ho imparato che in certe situazioni conta solo la professionalità. Contro la Lazio sarà la partita di Inzaghi. Impossibile credere che non lo emozionerà. Del resto ventidue anni non si cancellano così facilmente. Ricordo Simone come un ragazzo determinato, deciso e allo stesso tempo sensibile. Tuttavia, quando l'arbitro darà il via alla sfida ogni cosa si spegnerà. Ma prima il cuore batterà sicuramente molto forte. Non penso che ci sia in giro qualcuno che questa sensazione la capisca meglio di me. Mi aspetto comunque tanti meritati applausi nei suoi confronti. Inzaghi ha dato tutto alla sua ex squadra e sono sicuro che i tifosi glielo riconosceranno. Questo è l'invito che faccio ai laziali, gente che conosco bene".