Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Lazio, Massimiliano Farris è il tuo portafortuna: le statistiche

Farris, l'amuleto biancoceleste

Il vice di Simone Inzaghi è pronto a sostituirlo in panchina contro il Verona

redazionecittaceleste

Gli è successo spesso di dover sostituire mister Inzaghi nel post partita, per via della voce completamente persa dal tecnico biancoceleste  durante il match.  Massimiliano Farris, secondo di Simone, si è sempre distinto per disamine lucide e per una personalità che piace ai tifosi della Lazio. Impossibile non ricordare la replica a Gasperini occasione dell'ultima sfida a Bergamo: "Si vede che non hanno ancora dimenticato la Coppa Italia, in bacheca in bella mostra a Formello".

Simone Inzaghi

Farris lavora al fianco di Inzaghi dai tempi della Primavera. I due si conobbero alle finali scudetto a Chiavari nel 2005. Dopo poco tempo divenne il suo secondo. Nel 2000, quando Simone vinceva lo scudetto con la Lazio, Farris giocava al Flaminio con la Lodigiani. La passione per la panchina gli venne trasmessa da Sarri, suo allenatore ai tempi della Sangiovannese in Serie C. Farris era il capitano di quella squadra, incaricato di battere tutti i calci piazzati, visto il suo piede educato.

In 5 anni di regno Inzaghiano nella Lazio, è successo 7 volte al tecnico piacentino di non poter guidare i biancocelesti dalla panchina. Quando Farris ha preso ha il suo posto fino ad ora soltanto risultati positivi. Quattro vittorie (Lazio-Inter 2-0, Lazio-Atalanta 2-1, Fiorentina-Lazio 3-4, Lazio-Fiorentina 2-1. Tre pareggi  (Genoa-Lazio 2-2, Atalanta-Lazio 3-3, Lazio-Milan 1 a 1). Nell'ultimo precedente in cui ha sostituito Inzaghi per l'intera partita (il 30 giugno a Torino), è arrivata la vittoria in rimonta (2-1) grazie ai di Parolo e Immobile. Radu nell'occasione dichiarò: "Sentivamo più le urla del mister che era in tribuna, che quelle di Farris che era in panchina".