Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news

QDL – Balzanetti: “Insigne? Alla Lazio farebbe la riserva di Pedro”

Pedro

Il caporedattore del Corriere dello Sport, Andrea Balzanetti, ha parlato del prossimo mercato che coinvolgerà la Lazio

redazionecittaceleste

I caporedattore del Corriere della Sera, Andrea Balzanetti, è intervenuto come ospite nella puntata odierna di Quelli della Libertà. Trasmissione in onda dal lunedì al sabato su Cittaceleste TV e Radiosei. Attraverso le due emittenti a tema biancoceleste, il giornalista ha parlato della prossima finestra di mercato e di che cosa attende la Lazio di Maurizio Sarri. Il tecnico biancoceleste ha bisogno di rinforzi ma prima il club ha necessità di sbloccare, ancora una volta, l'indice di liquidità. Il più grande impedimento per quanto concerne gli affari in entrata:

 Immobile e Sarri

Sugli affati di mercato in vista

"Insigne al Toronto? Farebbe bene dal suo canto. Non è più giovanissimo e può puntare ad un gran contratto. Mettiamoci pure che i rapporti con De Laurentiis non sono più buoni come una volta. A Napoli è iniziata la parabola discendente. Non credo nemmeno che altri club, come la Lazio, lo abbiano mai cercato veramente. Anche perché a Roma farebbe la riserva di Pedro".

Sulla Lazio e i rinforzi

"La Lazio deve vendere per fare mercato e Lazzari potrebbe essere sacrificato. Con lui si possono fare dei buoni soldi con i quali finanziare il mercato di gennaio. Sarebbe comunque un dispiacere ritrovarlo come avversario. Inzaghi se lo potrebbe riprenderebbe, gli farebbe comodo in nerazzurro. Poi bisogna vendere gli esuberi per rimpolpare le casse. In rosa manca un vice Immobile e un difensore centrale che per me rimane la priorità. Ci vorrebbe un colpo alla Biava o l'Acerbi di un paio di anni fa, anche se costerebbe di più. Niente scommesse, questa volta servono certezze. A questa Lazio do la sufficienza. Il calcio è fatto di episodi e quest'anno sono più i punti che ci hanno sgraffignato rispetto a quello che siamo riusciti a strappare in extremis. L'anno scorso pesavano i tanti punti presi alla fine".