Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Verona-Lazio, Simeone: “Porto nel cuore la squadra biancoceleste, però…“

Simeone

Le parole del gialloblù, uomo partita, intervenuto al termine del match dalla pancia dello stadio Bentegodi

redazionecittaceleste

Fatica tantissimo, ancora una volta, la Lazio in trasferta. Come già accaduto al Dall’Ara i biancocelesti perdono male anche al Bentegodi. E, come contro il Bologna, anche la gara contro il Verona arriva al termine di una settimana caratterizzata dal triplo impegno. I biancocelesti dovranno allora rialzare immediatamente la testa, già a partire dal prossimo mercoledì quando allo stadio Olimpico la Lazio di Sarri ospiterà la Fiorentina di Italiano. Saranno pochi i giorni a disposizione della squadra che, però, avrà sicuramente voglia di cancellare subito una prestazione in cui è difficile trovare qualcosa di positivo. Intanto, al termine del match, è intervenuto ai microfoni di DAZN il Cholito Simeone. Queste le sue parole.

 Sergej Milinkovic-Savic

Le parole del Cholito Simeone

Mi sento bene, perché la nostra è una squadra che lotta. Questo mi dà carica ed energia, è bello vedere una squadra in vatanggio 3-1 che lotta e si butta su ogni pallone. Per quanto mi riguarda, è molto emozionante la giornata di oggi. Stamattina sognavo di fare almeno un paio di goal. Bisogna attaccare ed essere sempre concentrati, provando a sfruttare ogni occasione. Ho preparato questa partita come sempre: faccio meditazione perché mi fa star bene. Sono una persona molto curiosa e voglio conoscere me stesso. Penso sia importante perché ognuno pensa all'altro, ma bisogna guardare ciò che si ha dentro. 

Ancora il Cholito

Caprari è un bravissimo ragazzo, penso di non essermi mai trovato così bene con un altro giocatore e soprattutto mai così in fretta. La Lazio è stata una delle squadre della carriera di mio padre? Sì, ma per me ogni partita è importante, cerco di non pensare alle emozioni. Rispetto molto la Lazio, è una squadra che porto nel cuore. Ma sono un professionista e devo provare a fare il mio lavoro. Bestia nera di Sarri? È solo un caso: io mi impegno tutti i giorni, continuo a lavorare per migliorare”.