Lazio, anche i biancocelesti non contenti del nuovo protocollo

Nonostante Formello sia ben attrezzato per il maxi ritiro, ci sono delle restrizioni che non piacciono

di redazionecittaceleste

Notizie Lazio

ROMA- Le modifiche che la FIGC ha dovuto apportare al protocollo sanitario per gli allenamenti di squadra non hanno convinto molti dei club di Serie A che, in queste ore, si stanno ribellando pubblicamente. Le restrizioni imposte dal CTS sono ritenute infattibili, quasi come se si volesse provocare la fine del campionato. Anche la Lazio non è contenta del protocollo, come si evince dalle parole di Ivo Pulcini, responsabile sanitario dei biancocelesti: “La struttura del nostro centro sportivo è sanificata e privata, prima di essere ammessi a scaglioni, distanziati singolarmente e a ora differenti, gli è stata misurata temperatura, ossimetria e frequenza cardiaca. Una volta ammessi vuol dire che sono perfetti, altro che sani o ammalati. Li controlliamo ogni 4 giorni, è difficilissimo che si contagino. Se capitasse, li isoleremmo senza bisogno di controllare gli altri, perché non entrano in contatto con nessuno”.

Anche la scelta del maxi ritiro non convince del tutto la Lazio che, comunque, disporrebbe di una struttura perfetta per poterlo garantire.

 

 

>>> LEGGI TUTTE LE ALTRE NOTIZIE SULLA S.S.LAZIO! <<<

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy