• ACCENDI LA TV, SUL CANALE 85 SIAMO IN DIRETTA: TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SULLA SSLAZIO!

Lazio, Ballardini: “Sbagliai ad accettare la strategia di Lotito”

L’ex allenatore della Lazio è tornato a parlare del periodo in cui accetto di allenare i biancocelesti: le parole di Davide Ballardini

di redazionecittaceleste

Notizie Lazio

ROMA – L’ex allenatore della Lazio, Davide Ballardini, è tornato a parlare del club biancoceleste e lo ha fatto attraverso i microfoni di Radiosei:

Notizie Lazio – Lotito

“La verità diventa quella che uno dice, ma i fatti dimostrano il contrario. Con il Genoa dopo 12 partite eravamo ottavi e sono stato esonerato. Al Palermo ho allenato dall’inizio e per tre volte ho dovuto rinunciare a dei soldi. Alla Lazio invece, non avrei dovuto accettare quella situazione disastrata, con tre giocatori fuori rosa come Ledesma, Pandev e De Silvestri. Con il mercato aperto si pensava che li avremmo ceduti, ma dopo la campagna acquisti le cose non sono cambiate e sono venuti fuori i problemi. Con il macedone al Genoa facemmo grandi cose, non era ben visto ma quando sono arrivato è diventato un idolo. Nonostante i biancocelesti non fossero competitivi, vincemmo la Supercoppa italiana e andammo bene in campionato. Pentito? No, credo di aver commesso un errore nell’accettare il contesto. Non dovevo condividere la strategia di allora. Avevo dato la mia parole e da romagnolo la mia parola vale, peccato che mi avrebbero dovuto rinchiudere in un manicomio. A fine mercato, i primi di settembre, dissi pensai già di dimettermi. Lo avrei dovuto fare”.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. viacerignol_10539672 - 1 settimana fa

    Mister Ballardini,
    l’apprezzo molto come tecnico.
    Non ho mai smesso di seguirLa sui vari palcoscenici calcistici calcati.
    Però mi domando.
    Perché si attarda ad esprimere giudizi non positivi nei confronti di una Società, ma lo ha fatto anche nei confronti di altre, che, in fin dei conti, Le ha dato la possibilità di lavorare ad un certo livello?
    Anziché lamentarsi ora, perché non si dimise allora?
    Anche perché, come Lei stesso dimostra, conosceva molto bene la situazione.
    La saluto, con i migliori auguri per la Sua attività.
    Enzo 41

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy